Piante secche al rientro delle vacanze | Con questo metodo torneranno più belle di prima

come recuperare le piante seccate piante secche vacanze

A quante è capitato di tornare a casa dopo le vacanze e ritrovarsi tutti i vasi con piante seccate? Ci siamo passate un po’ tutte. Purtroppo, in molti casi, basta veramente qualche settimana per vedere il lavoro di mesi buttato al vento.

Chi ha diverse piante di cui prendersi cura, dovrebbe sempre affidarsi ad un amico o comunque qualcuno che possa attivarsi nell’innaffiarle a dovere e con regolarità. Una volta che la situazione è compromessa, però, ci sono alcuni modi che possono risultare efficaci per recuperare il danno: vediamone alcuni!

come recuperare le piante seccate piante secche vacanze

Potare le piante seccate

In primo luogo dovrai valutare i danni che la tua assenza e soprattutto quella di acqua hanno fatto. In questa maniera potrai essere conscia di quali piante possano essere recuperate e quali no.

Qualora le piante abbiano tutte le foglie secche, così come i rami, e tutti i fiori fossero andati persi, allora forse non c’è molto da fare. Controlla anche se il terriccio è molto duro e arido. Basa tutti i tuoi sforzi sul recupero delle piante che hanno una chioma non del tutto rinsecchita e presentano qualche foglia verde ancora.

A tal punto, effettua una potatura specifica con delle cesoie, accuratamente pulite e sterilizzate. Eliminate tutte le foglie e i rami secchi e fate in modo da mantenere solo le zone recuperabili.

Innaffiare per bene

Generalmente, i danni principali sono legati all’assenza di acqua ed esposizione solare continua. Per provare a recuperare la pianta effettuiamo una abbondante innaffiatura: usiamo una bacinella oppure un lavandino e riempiamo con 5-6 cm di acqua.

Immergiamoci poi il vaso con la pianta e aspettiamo una mezz’oretta. L’acqua lavorare attraverso i forellini di drenaggio. Facciamo poi scolare l’acqua in eccesso e posizioniamo la pianta su un sottovaso.

LEGGI ANCHE:  Make-up 2020: guida completa alle novità da provare assolutamente!

Concimazione

Per poter riconcimare le piante, usiamo un fertilizzante specifico; uno che abbia un contenuto di potassio molto elevato. Questo farà da stimolante per la realizzazione di nuovi boccioli e favorirà le fioriture estive.

Le piante grasse possono essere concimate con un fertilizzante ricco di azoto, anch’esso utile a favorire la comparsa di nuove foglie.

Soluzione talee

Infine, una soluzione potrebbe essere quella di realizzare delle talee. In casi estremi, taglia un rametto di 7-10 cm sotto un nodo, un punto dove si sviluppano le foglie. Interra la talea con sabbia e torba e mantieni sempre umido il terreno. Basteranno pochi giorni per far sì che possa nascere una nuova pianta, con nuovi piccoli germogli: generalmente, i primi risultati li avrai dopo 20-30 giorni.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...