Prurito, Bruciore e Perdite vaginali? Ecco quando preoccuparsi

Le secrezioni vaginali sono molto comuni nelle donne e quasi sempre la loro presenza indica una vagina perfettamente sana. La vagina ha in condizioni normali un pH acido che le permette di difendersi dalle infezioni. E’ normale che una vagina rilasci delle secrezioni poiché elimina le cellule morte e i batteri. Alcune volte queste perdite però possono essere un segnale di infezione o di malattia. Ma come capirlo?900px-Diagnose-Vaginal-Discharge-Step-1-Version-4

1. Autodiagnosi delle Secrezioni Vaginali Normali
La vagina è costituita da ghiandole che producono giornalmente piccole quantità di fluidi per eliminare cellule vecchie e corpi estranei. Durante il sonno le donne hanno delle secrezioni vaginali ogni 80 minuti ed è condizione normalissima.
Le secrezioni vaginali normali hanno una colorazione trasparente o bianco-latte e possono essere inodori o possono avere un leggero odore.900px-Diagnose-Vaginal-Discharge-Step-3-Version-4

Le secrezioni possono variare per odore, colore e densità. Ecco quando questo avviene:
– Ovulazione
In questo periodo è normale che le secrezioni aumentino di volume. Durante l’ovulazione queste secrezioni sono più chiare, filamentose e viscide.

– Mestruazioni
Spesso le secrezioni dense e bianche si hanno i giorni prima e subito dopo il ciclo.

– Gravidanza e fase post-partum
Le donne in gravidanza possono avere un aumento delle perdite vaginali. Nelle ultime settimane prima del parto, le secrezioni possono diventare più dense e abbondanti. Dopo il parto invece le secrezioni sono costituite da sangue, piccoli coaguli e tessuto eliminato dal rivestimento uterino. Diventano poi successivamente più chiare, più acquose e si riducono molto.

– Menopausa
Le perdine nel periodo della menopausa diminuiscono, poiché diminuisce il livello degli estrogeni.

2. Autodiagnosi delle Secrezioni Vaginali Anomale900px-Diagnose-Vaginal-Discharge-Step-5-Version-4Se ti sembrano diverse da quelle che hai normalmente, allora potrebbero essere sintomo di una qualche infezione. Se il colore , la consistenza e l’odore sono diversi da quelle che hai normalmente e questo dura da un bel po’ di tempo, recati da un ginecologo per effettuare un controllo.

LEGGI ANCHE:  Digrignare i denti nel sonno corrisponde senza dubbio a questo tipo di personalità

I principali sintomi di qualche patologia sono:
– Perdite bianche, dense e grumose che provocano prurito.
– Perdite dall’aspetto verdastro e schiumoso.
– Secrezioni che tendono al grigio, giallo, marrone o verdastro.
– Perdite maleodoranti.
– Perdite accompagnate da dolore, prurito o bruciore, sanguinamento, ecc.
– Secrezioni molto abbondanti e dense.

Valuta il tipo di problema e se lo ritieni opportuno prenota una visita dal ginecologo che saprà di sicuro come aiutarti.

Biologa Nutrizionista: Maria Leonardi

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...