Pulire la moka correttamente: tutti i consigli per non sbagliare più!

pulire la caffettiera correttamente i 5

Vi siete mai chieste come pulire la moka correttamente?

Il caffè per molti di voi rappresenta un rito irrinunciabile senza il quale non potete iniziare la giornata. Questa bevanda, infatti, oltre ad essere molto efficace per combattere i colpi di sonno, è uno dei piaceri della vita.

Tuttavia, per goderne a pieno, dovete capire che è importantissimo prendervi cura della vostra moka. A tal proposito, infatti, esiste un metodo ben preciso che potete seguire per pulirla correttamente. Curiose? Iniziamo! 

pulire la caffettiera correttamente i 6

Pulire la moka correttamente: da dove cominciare?

Per prima cosa, ci sono degli errori che dovete evitare assolutamente. Molte persone ritengono che la moka non vada lavata per non alterare il gusto del caffè. Anche se questo è vero da una parte, a lungo andare nella caffettiera potrebbero crearsi delle incrostazioni o del calcare che vanno inevitabilmente ad alterare il sapore del caffè. 

Per ovviare a questo problema, dovete ricordarvi di non lavarla mai con il sapone per i piatti perché lascia, inevitabilmente, un retrogusto poco piacevole. Non solo, non va mai inserita nella lavastoviglie. Conviene smontarla ad ogni utilizzo e sciacquarla con dell’acqua calda. Solo ogni tanto, invece, dovete fare una pulizia più profonda, usando prodotti naturali. 

Un altro errore che molti di voi commettono è sbattere il contenitore del caffè per togliere la polvere. Piuttosto, liberatevene utilizzando un cucchiaino per scongiurare che si deformi 

Il caffè non andrebbe mai lasciato a lungo dentro la moka: rischia, infatti, di creare della muffa. Sempre per questo motivo, svuotatela sempre totalmente. 

pulire la caffettiera correttamente i 5

Anche alla guarnizione in gomma, va riservata la giusta attenzione. Quando questa risulta troppo consumata, infatti, conviene sostituirla. 

Ripassate la superficie esterna della moka con una spugnetta morbida e l’aceto bianco o con una miscela di bicarbonato e succo di limone così da agire sulle eventuali incrostazioni. 

Per la parte interna, detergetela riempiendo il serbatoio con una metà di acido citrico (succo di limone) e metà di acqua. Mettete a bollire e lasciate agire per una trentina di minuti, dopodiché, con l’aiuto di uno spazzolino, eliminate i residui di calcare. Se il filtro, poi, presentasse ancora qualche rimanenza, usate uno spillo per sturare tutti i fori. 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...