Pulizie in cucina: 12 errori banali che possono rovinare il sapore dei cibi

Spesso in cucina si commettono molti errori banali nella pulizia che possono rovinare il sapore dei cibi, oltre che nuocere alla propria salute. Ecco i 12 errori banali che possono rovinare il sapore dei cibi.
1. Lasciare i granelli di caffè dal macinino
Quando si mettono i piatti nella lavastoviglie o si pulisce la cucina nessuno pensa a quanto questo possa incidere sugli alimenti. Un errore è quello di non lavare tutti i giorni con acqua e detersivo il macina-caffè. «Se vengono dimenticati nella macchina, i chicchi possono diventare rancidi e dare così al caffè appena fatto un gusto amaro», spiega Carolyn Forte, direttrice del Cleaning Lab al Good Housekeeping Institute.

2. Non pulire la griglia

«Se la griglia non viene lavata dopo ogni uso, i pezzi abbrustoliti o gli aromi dei cibi precedentemente cotti sa possono trasferirsi sugli alimenti freschi», spiega la dottoressa Forte. Il Good Housekeeping Institute raccomanda di pulire il grill strofinando con una spazzola a spirale senza setole o con della carta d’alluminio.

3. Padella in lavastoviglie

Pulire la padella con un po’ di sapone e sciacquare va bene, ma lavarla nella lavostoviglie no, perché danneggia il rivestimento della padella. Se il rivestimento della padella viene a mancare il cibo non verrà cotto in maniera uniforme.

4. Detersivo troppo profumato

Attenzione all’utilizzo di detersivi. Se si utilizzano dei detersivi molto profumati rischierete di ritrovarvi dei piatti troppo profumati e di conseguenza di mangiare una pietanza al gusto di sapone.

5. Non pulire subito il forno

Il forno deve essere pulito subito dopo il suo utilizzo. «I residui di cibo lasciati all’interno del forno non solo seccano durante la successiva cottura, ma possono anche rilasciare degli odori che vanno a contaminare il gusto o il sapore degli alimenti freschi», spiega ancora la dottoressa Forte.

6. Non sciacquare la macchina del caffè

E’ buona abitudine una volta al mese rimuovere le incrostazioni che si formano nella vostra macchina del caffè con dell’aceto bianco. Successivamente sciacquate per bene.

LEGGI ANCHE:  Tortini vegetariani di patate, carote e riso: una ricetta da leccarsi i baffi!

7. Non risciacquare i contenitori degli alimenti dopo l’uso

I residui di cibo e di liquido che si attaccano ai lati dei contenitori di plastica devono essere subito rimossi, per non rischiare di trovare poi un cattivo odore. «Chi invece si dimentica di farlo, cosa che capita spesso, potrebbe finire col ritrovarsi con gli avanzi impregnati di questi odori persistenti», avverte la Forte.

8.Stipare le posate nella lavastoviglie

Mettere forchette, cucchiai e coltelli nello stesso senso nella lavastoviglie non permette un buon lavaggio e si rischia di ritrovarle ancora sporche alla fine della lavastoviglie. «In questi casi, l’unica soluzione è quella di rilavare tutte le posate – spiega la dottoressa Forte – oppure di caricarle nella lavastoviglie in senso opposto».

9. Esagerare col detersivo della lavastoviglie

Non bisogna caricare troppo la lavatrice col detersivo, poiché esso potrebbe rimanere su piatti, bicchieri e posate. Se vedete delle macchie e ne sentite l’odore lavate con acqua prima di usarle.

10. Lavare lo spremiaglio in lavastoviglie

Lo spremiaglio dovrebbe essere lavato solo a mano, per evitare che alcuni residui di aglio secco si accumuli nei fori, causandone un cattivo funzionamento.

11. Non risciacquare accuratamente l’ammoniaca

Dopo aver utilizzato l’ammoniaca, un ottimo prodotto per uccidere batteri e sostanze dannose sciacquate le apparecchiature e utensili della cucina con acqua, se si trovavano nei paraggi, per evitare che l’odore forte alteri il cibo.

12. Non risciacquare bene i piatti

Capita spesso di non risciacquare bene piatti e bicchieri. Fate sempre qualche risciacquo in più per non trovarvi in bocca il sapore de detersivo.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...