Quale frullato mattutino per aumentare le difese immunitarie?

quale frullato per il sistema immunitario

Quale frullato mattutino per aumentare le difese immunitarie?

L’infiammazione è un meccanismo naturale di protezione e riparazione che la natura adopera per superare eventuali danni ai tessuti. Se però l’infiammazione diventa cronica, allora apre la strada a un processo di invecchiamento accelerato dell’organismo, con un possibile corollario di malattie anche serie.

Qui di seguito ti suggeriamo alcuni tipi di frullato che ti possono dare una mano a combattere l’infiammazione cronica. Questo grazie a composti come ad esempio i polifenoli, sostanze che molto spesso sono frutto del metabolismo secondario delle piante.

Quale frullato mattutino per aumentare le difese immunitarie?

Uno. Con le bacche

I frutti in bacca (lamponi, mirtilli, more, ecc.) contengono i polifenoli di cui sopra, sostanze che molto spesso sono responsabili del colore acceso di questi frutti: rosso, azzurro, porpora.

Per molti tipi di bacca si è visto che posseggono proprietà antiossidanti e alcuni dati preclinici suggeriscono che possano avere importanti effetti sui processi infiammatori.

Contengono le vitamine A e C, vitali dal punto di vista dell’efficienza del sistema immunitario e della prevenzione di malattie che possono andare dal raffreddore a condizioni molto più serie e importanti.

Due. Con le foglie verdi

Un basso livello di magnesio può essere associato a numerose malattie con una componente di infiammazione cronica. Una delle fonti alimentari più importanti di magnesio sono le verdure a foglia verde, per esempio il cavolo riccio e gli spinaci.

Non solo: cavolo riccio, spinaci e altre verdure contengono anche elevate quantità di vitamine, anch’esse molto utili contro le infiammazioni, nonché altre sostanze antiossidanti efficaci contro gli stati infiammatori. Un frullato mattutino a base di verdure in foglia può essere quindi un valido aiuto contro le infiammazioni croniche.

Tre. Con lo zenzero

Se il tuo problema è l’artrite alle ginocchia, prendere dello zenzero la mattina può essere davvero di aiuto. Questa radice dal sapore così caratteristico contiene sostanze antinfiammatorie chiamate gingeroli: varie ricerche ne hanno dimostrato una certa efficacia nel lenire i dolori da malattie reumatiche come osteoartrite e artrite reumatoide.

LEGGI ANCHE:  Lavanda una fonte naturale di composti antimicrobici, insetticidi e antifungini

I pazienti cui sono state somministrate queste sostanze hanno riferito di miglioramento del dolore e anche dell’agilità articolare e del gonfiore.

Quattro. Con l’olio di cocco

L’acido laurico contenuto nell’olio di cocco possiede proprietà antinfiammatorie. Uno studio del 2010 su Pharmaceutical Biology ha trovato che l’olio di cocco vergine, che si produce a basse temperature, riduce il gonfiore nelle cavie da laboratorio e impedisce la cronicizzazione della malattia.

Cinque. Coi semi di chia

Questi semi sono richci di acidi grassi omega-3, i quali a loro volta sono coinvolti nei processi metabolici che aiutano a combattere le infiammazioni.

Sembra che gli omega-3 contenuti nei semi di chia possano diminuire il rischio di malattie croniche come l’artrite. Se ti fosse difficile trovare i semi di chia, puoi anche usare semi di lino o noci: anche questi sono ricchi di sostanze antinfiammatorie.

Sei. Col tè verde

Anche il tè verde può essere una buona scelta per il frullato del mattino. Contiene anch’esso dei polifenoli molto utili in chiave antinfiammatoria.

La ricetta

Ma veniamo alla ricetta di un ottimo frullato antiinfiammatorio mattutino.

Gli ingredienti: una tazza di bacche assortite (more, ciliegie, fragole, mirtilli e così via); qualche foglia di verdure verdi (cavolo riccio, spinaci, ecc.); due manciate di zenzero macinato; una cucchiaiata di olio di cocco non raffinato; un cucchiaino di semi di chia freschi; tè verde; un po’ di miele, sciroppo d’acero o stevia per addolcire.

Procedimento

Il procedimento è semplicissimo: metti tutti gli ingredienti nel frullatore e aggiungi tanto tè verde a seconda della consistenza più o meno liquida che vuoi dare al tuo frullato.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...