Quali sono i cibi più ricchi di probiotici per combattere gastrite e acidità

Quali sono i cibi più ricchi di probiotici per combattere gastrite e acidità.

Acidità di stomaco e gastrite sono due disturbi piuttosto comuni e diffusi; sono provocati da fattori piuttosto diversificati e hanno in comune più o meno gli stessi sintomi.

Chi soffre di gastrite o acidità di stomaco può cercare di porvi rimedio aumentando il consumo di alimenti probiotici. Questi ultimi, in generale, sono alimenti che aiutano a rimettere in sesto la flora intestinale, favorendo nel nostro apparato digerente lo sviluppo dei batteri “giusti” a scapito di quelli potenzialmente dannosi.

Quali sono i cibi più ricchi di probiotici per combattere gastrite e acidità

Ma quali sono i cibi probiotici? Qui di seguito te ne indichiamo alcuni. Il succo del discorso è che aumentandone il consumo, potrai migliorare i sintomi sia della gastrite che dell’acidità di stomaco.

Lo yogurt. È uno degli alimenti più potenti nel prevenire e alleviare la gastrite. Coi suoi fermenti lattici, se lo mangi a colazione, può aiutarti a proteggere lo stomaco per tutto il giorno.

I formaggi freschi. I formaggi freschi poco grassi sono molto efficaci nel prevenire guai allo stomaco. Attenzione però a quelli con un più alto contenuto di grassi: questi infatti possono peggiorare i sintomi invece che alleviarli.

Il miso. Il miso giapponese è essenzialmente soia fermentata. Anch’esso è piuttosto efficace nel prevenire la gastrite o comunque nell’attenuarne i sintomi. Lo si prepara a partire dalla soia e contiene il batterio Lactobacillus acidophylus, che svolge un ruolo protettivo della mucosa intestinale.

Si diceva della soia. In generale le bevande a base di soia (il latte di soia, per esempio) possono aiutare a proteggere la flora intestinale e a prevenire l’acidità.

LEGGI ANCHE:  Una tisana per ogni cosa: trova quella che fa per te. Dall'ansia all'insonnia

Il kefir. Si tratta di un prodotto a base di latte fermentato: riequilibra il cosiddetto microbiota intestinale e può aiutare le persone intolleranti al lattosio.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...