Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Quando una casa è TROPPO ordinata e sterilizzata è sintomo di infelicità, lo afferma uno studio psicologico

Pubblicità

Guardando certe riviste di design può capitare di sognare di avere una casa perfetta, tutta rifatta a nuovo, con mobili e decori perfetti e, ovviamente, pulita e ordinata.

Ma avere una casa da copertina è praticamente impossibile, a meno che non ci si dedichi a lei a tempo pieno, non si abbiano bambini o ragazzi e si stia sempre super attenti a tutto; o magari, si abbiano parecchi soldi da pagare qualcuno che ce la tiene costantemente in ordine, ogni giorno.

Pubblicità

Magari poi capita di vedere delle persone postare foto su Facebook o Instagram, dove si vede che hanno una casa perfetta, o dove magari viene presentato un piatto culinario su un tavolo molto bene decorato e con lo sfondo della cucina o sala da pranzo praticamente impeccabili e dove tutto è perfettamente abbinato. Non fatevi prendere per il naso, è molto difficile che fotografie del genere rispecchino la verità; spesso prima di fare la foto hanno ricreato la scena, perché, ovviamente, non possono mostrare una casa disordinata, specialmente se sono “influencer”, ovvero persone che “vengono pagate (e anche tanto) per postare le foto con determinati prodotti”: insomma, si tratta di una montatura!

Questo non significa che non ci siano persone che si dedicano totalmente alla casa, ma in questo modo rischiano di diventare schiave della casa.

credit foto GuardaCheVideo.it

Secondo il brasiliano Sergio Cotella (filosofo, scrittore, educatore, professore universitario e psicologo), una casa troppo pulita e ordinata è sintomo di profonda insicurezza e infelicità, per cui si cerca di mostrare “al di fuori” una certa immagine, sempre perfetta, come se si potesse essere sottoposti ad un’ispezione militare in qualunque momento.

Anche nelle case pulite e ordinate, ci sarà per forza di cose qualche cosa fuori posto. Cercare di tenere tutto sotto controllo, significa essere insicuri.

Si tratta di un vero e proprio stato ossessivo, una dipendenza per la perfezione che genera tristezza. Ci si nasconde dietro apparenze, invece di godersi la casa per quello che dovrebbe essere, un luogo accogliente, di pace, di intimità, dove ci si può rilassare ed essere sé stessi, senza pensare a ciò che possono pensare gli altri di noi.

In definitiva, va bene avere qualche cosa fuori posto e non cercare di essere perfetti a tutti i costi, ma attenzione a non cadere nell’opposto!

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...