Queste due bambine donano i propri capelli ai malati di cancro

Non è mai troppo presto per fare del bene. Lo dimostra l’esempio di due bambine di Cagliari che hanno preso l’iniziativa di donare i propri capelli a favore delle ragazzine colpite da tumore e costrette alla chemioterapia.

Non solo, le due bambine, Giulia e Sofia, hanno anche aderito a una campagna promossa dall’associazione CharliBrown (si chiama “Contro Il Cancro Mettici La Testa”) che invita tutte le ragazze a donare i propri capelli allo scopo di farne parrucche per le bambine e le ragazze che a causa delle terapie anti-tumore sono costrette a perdere le loro belle chiome.

Si tratta di una campagna che le due bambine cagliaritane stanno attivamente conducendo sui social e che sta avendo molta visibilità e successo.

Occorre considerare che il gesto di queste due bambine è ancora più da apprezzare, se si tiene conto che le due frequentano ancora la scuola elementare. È lodevole che non solo loro, ma anche ovviamente i loro genitori, abbiano aderito a una iniziativa così meritoria e disinteressata.

Queste due bambine donano i propri capelli ai malati di cancro

Donare i propri capelli a chi sta male è un gesto importante, se solo si rammenta che una parrucca, anche la più economica, costa più di 500 euro. L’aiuto dunque non è solo psicologico – e già questo è preziosissimo – ma anche economico, soprattutto per famiglie che sono già alle prese coi disagi pratici legati alla malattia e al suo trattamento (viaggi, pernottamenti e quant’altro).

Alla fine della scuola Giulia e Sofia avranno imparato non solo a leggere, scrivere e far di conto, ma anche a dare valore alla solidarietà. Avranno imparato, soprattutto, che tutti quanti possiamo fare qualcosa, magari appoggiandoci a chi lo fa istituzionalmente, come CharliBrown.

LEGGI ANCHE:  Ecco i 6 peggiori momenti imbarazzanti di una Donna. La N°2 sarà capitato sicuramente anche a te!

Sono piccoli gesti che uniti a quelli di molte altre persone possono cambiare in meglio la vita di chi si trova in un momento di bisogno e difficoltà.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...