Realizza la pastella in bottiglia per panature light e senza uova!

scopri come realizzare la pastella AdobeStock 407077198

Realizza la pastella in bottiglia per panature light e senza uova!

Spesso si dice che fritto diventa tutto buono. Effettivamente è un’affermazione veritiera. Quante volte ci siamo ostinati a far mangiare determinati tipi di verdura ai nostri bambini, senza ottenere nessun risultato? Poi, magari, li abbiamo visti gustare con estrema soddisfazione persino i cavolfiori pastellati? Certo non possiamo friggere ogni cosa. Alla fine ci rimetteremo in salute ma, almeno, quando decidiamo di farlo cerchiamo di farlo bene. Ottenendo ottimi risultati senza far assorbire troppo olio e senza per forza appesantire la portata con le uova.

pastella in bottiglia

Realizza la pastella in bottiglia per panature light e senza uova!

Ingredienti

  • 120 grammi di farina,
  • 100 grammi di acqua gassata freddissima.

Preparazione

Preparare questa pastella è assolutamente elementare. Dobbiamo solo avere una bottiglia di vetro munita di tappo, un imbuto e un passino a maglie strette. Posizioniamo l’imbuto sul collo della bottiglia, setacciamo la farina mentre la versiamo usando il passino. Di seguito aggiungiamo l’acqua gassata che deve essere freddissima. Chiudiamo velocemente in modo da non perdere anidride carbonica, assicurandoci che non perda. Agitiamo energicamente fino ad ottenere un composto omogeneo. Se ci rendessimo conto che la pastella è troppo liquida aggiungiamo un po’ di farina. Deve risultare cremosa. Possiamo usarla immediatamente o conservarla in frigo per un giorno.

Come usare la pastella in bottiglia

Per avere un fritto gustoso e leggero, prepariamo preventivamente l’ingrediente che vogliamo friggere. Di qualunque cosa si tratti deve essere il più asciutto possibile. Se sono verdure, prendiamoci il tempo necessario per metterle ad asciugare cosparse di sale anche un’oretta. Poi, prima di procedere, asciughiamole ulteriormente con della carta assorbente. Nel caso in cui volessimo pastellare della carne, evitiamo il sale ma insistiamo con la carta. Scaldiamo molto bene l’olio, poi immergiamo l’ingrediente scelto.

LEGGI ANCHE:  La crostata di pesche senza cottura: la ricetta light con crema all’acqua di limone

Evitiamo di inserire contemporaneamente più pezzi. Una volta immerso, sgoccioliamolo e buttiamolo velocemente nell’olio bollente. Procediamo a friggere pochi pezzi per volta altrimenti l’olio si raffredderebbe e la frittura diventerebbe unta. Una volta che abbiamo finito di cuocere posizioniamo il cibo sopra a della carta assorbente. Quella dei sacchetti del pane è ancora meglio dello scottex. Saliamo la portata solo al momento di servirla.

Le nostre fritture saranno sempre perfette, croccanti e non unte!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...