Salute: disidratazione, i sintomi e i rimedi

disidratazione, sintomi e rimedi

Salute: disidratazione, i sintomi e i rimedi.

Se sei una di quelle che troppo spesso dimenticano di bere, se mangi poca frutta e verdura, se quando vai al parco a correre ti dimentichi di portare una bottiglietta d’acqua, può essere che uno di questi giorni ti potresti accorgere di avere i sintomi della disidratazione, che sono subdoli quanto insidiosi.

Siamo finalmente in estate e in questa stagione una buona idratazione è essenziale. Il che non vuol dire che non sia importante anche nelle altre stagioni dell’anno, tutt’altro.

Bere molto e con regolarità permette di mantenere sotto controllo la pressione; inoltre drena e depura dalle tossine, contribuisce a mantenere la pelle più fresca e tonica, migliora il metabolismo e in definitiva può anche aiutare a pensare meglio.

Una cattiva o insufficiente idratazione, soprattutto d’estate, può dare sintomi come stanchezza, irritabilità, difficoltà di concentrazione. A volte un bicchier d’acqua è tutto quello che ci vuole per cambiare faccia alla tua giornata.

Salute: disidratazione, i sintomi e i rimedi

I sintomi

Un primo sintomo di disidratazione, ovvio, è la sete. Ma esistono anche segnali di altro tipo, meno evidenti e ai quali spesso non si presta sufficiente attenzione. Ad esempio mal di testa e mancanza di forze.

Ma vediamo quali possono essere gli altri segnali dai quali possiamo capire se una persona soffre di disidratazione. Questi segnali possono essere: sete, debolezza, mal di testa, crampi muscolari, un calo della diuresi, con urine di colore scuro (molto concentrate, cioè), tachicardia, bocca e gola secche, mani e piedi freddi, difficoltà di concentrazione, capogiri, pelle pallida e umidiccia, stati confusionali, vergini e svenimenti.

La disidratazione, va notato, è un rischio concreto nei neonati e nei bambini piccoli, specie se soffrono di diarrea. I bambini, poi, hanno un metabolismo più veloce degli adulti e tendono a perdere liquidi con maggiore rapidità.

LEGGI ANCHE:  Albero di Natale fai da te: le più belle idee per realizzarli con materiali riciclati

All’altro capo dello spettro, rischiano spesso la disidratazione anche gli anziani, che per questioni fisiologiche legate all’età sentono meno lo stimolo della sete e quindi rischiano più spesso di incappare nella disidratazione.

Occorre anche prestare attenzione a certe medicine: per esempio i diuretici, ma anche gli antistaminici, gli psicofarmaci e le medicine per la pressione alta.

Che cosa fare in caso di disidratazione

Se la disidratazione non è grave, basta bere acqua. Da evitare assolutamente le bibite gassate e/o zuccherate. Meglio l’acqua a temperatura ambiente e meglio bere a piccoli sorsi.

Attenzione anche alle bibite che contengono caffeina: la caffeina è diuretica e quindi può aggravare un eventuale stato di disidratazione.

Naturalmente in caso di grave disidratazione è doveroso rivolgersi subito a un medico o al 118.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...