Santo del Giorno 17 Settembre: San Roberto Bellarmino

San Roberto Bellarmino

Sapete qual è il Santo del giorno 17 Settembre?

Oggi si celebra la memoria liturgica di San Roberto Bellarmino, vescovo e Dottore della Chiesa vissuto nel ‘500.

Conosciamolo meglio: vediamo chi era, cosa fece, perché è importante e perché è stato canonizzato.

Santo del giorno 17 Settembre: chi era San Roberto Bellarmino. Cenni biografici

Santo del giorno 17 Settembre

Appartenente ad una nobile famiglia decaduta, Roberto Bellarmino nacque a Montepulciano nel 1542.

Soprattutto per volere della madre, lui e i suoi fratelli vennero educati alla più stretta osservanza dei principi cristiani.

Nel collegio gesuitico in cui studiò, il giovanissimo Roberto si distinse fin da subito per la bontà d’animo e per il profitto scolastico eccellente.

Il padre avrebbe desiderato che il ragazzo optasse per la carriera politica, invece lui entrò nella Compagnia di Gesù appena compiuti i 18 anni.

Nell’Ordine, oltre a prendere i voti, Roberto perfezionò gli studi acquisendo una straordinaria capacità oratoria ed una cultura sterminata.

Eccezionale teologo, insegnante e cardinale

San Roberto Bellarmino può essere annoverato con certezza tra le personalità religiose di spicco del XVI secolo.

Bravissimo insegnante, amato sia dai colleghi che dagli studenti, non poteva che ricadere su Roberto la scelta di ricoprire la neonata cattedra di “Controversie” del Collegio Romano Gesuitico.

Era quella un’epoca in cui le eresie, che dilagavano, imponevano alla Chiesa l’attuazione di nuove strategie per contrastarle ed essa si servì, fra l’altro, delle sue personalità più eminenti.

Colto e preparato, Roberto si recò anche in Francia per rispondere agli interrogativi posti dagli Ugonotti.

Quando tornò in Italia, divenne il Rettore del Collegio Romano.

Nominato in seguito cardinale di Capua, l’uomo ricoprì l’incarico fino al 1621.

LEGGI ANCHE:  Vino Unicorno: rosa e brillante, contiene le lacrime degli unicorni stupendi animali mitologici.

In quell’anno infatti, per prepararsi meglio alla morte che, evidentemente, sentiva avvicinarsi, si ritirò in un noviziato gesuitico.

Dopo pochi mesi da quella decisione, morì.

Per quanto riguarda la sua canonizzazione, essa è stata rallentata da problemi di carattere burocratico, ma nel XX secolo, finalmente, Roberto Bellarmino è stato proclamato santo.

San Roberto è il patrono delle arcidiocesi di Capua e di Cincinnati (Stati Uniti d’America), oltre che il protettore degli avvocati di diritto canonico e dei catechisti.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...