Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Santo del Giorno 18 Novembre: Dedicazione delle Basiliche dei SS. Pietro e Paolo

dedicazione basiliche SS.Pietro e Paolo

Siete pronti anche stamattina a scoprire insieme a noi qual è il Santo del giorno 18 Novembre?

In questa giornata si celebra la Dedicazione delle Basiliche dei SS. Pietro e Paolo, tra i santi più amati dai cristiani fin dall’antichità.

Si tratta in realtà di figure molto diverse l’una dall’altra, ma entrambe costituiscono due pilastri della Chiesa.

Pietro fu il primo a riconoscere la natura divina di Gesù e fu indicato proprio dal Messia come il Capo della Chiesa.

Paolo fu dapprima un persecutore dei cristiani, ma in seguito ad una profonda conversione cambiò totalmente vita e divenne uno dei testimoni più grandi e più forti della Parola di Dio.

Scopriamo di più a riguardo.

Santo del giorno 18 Novembre: chi erano Pietro e Paolo. Cenni biografici

santo del giorno 18 novembre

Sebbene molto diversi fra loro, sia Pietro che Paolo sono considerati i principi degli Apostoli e due pilastri fondamentali della Chiesa.

“Su questa pietra edificherò la mia casa” disse Gesù a Pietro (Simone) quando lo scelse come guida e capo della sua Chiesa.

Ecco perché San Pietro è, a tutti gli effetti, il primo papa della storia.

Paolo, che si chiamava in realtà Saulo, veniva da un’esperienza di vita completamente diversa.

Egli era un pagano e un persecutore dei cristiani fin quando un giorno, sulla via di Damasco, ricevette la folgorazione divina.

Una conversione repentina ma convintissima, da quel momento in poi, lo spinse a cambiare radicalmente il corso ed il senso della sua esistenza, diventando un Apostolo devoto ed uno dei massimi testimoni del cristianesimo.

Sia Pietro che Paolo morirono martiri a Roma e da quel momento iniziò la loro gloria eterna.

Basilica di San Pietro

L’Imperatore Costantino volle l’edificazione a Roma di diverse basiliche e la prima di esse decise di dedicarla a Pietro.

LEGGI ANCHE:  Le 16 abbronzature più brutte e imbarazzanti di quest'estate a mare.

Essa venne costruita sul luogo del martirio e della sepoltura dell’apostolo, sul colle Vaticano.

Dalla costruzione originale risalente al IV secolo, si sono susseguite nuove costruzioni e modifiche che l’hanno di volta in volta abbellita ed arricchita di arte.

Nel corso dei secoli hanno lavorato qui gli artisti più grandi di tutti, basti citare Michelangelo, Bramante e Raffaello, che hanno reso questo luogo uno dei più belli ed importanti al mondo sotto ogni punto di vista.

Le spoglie di San Pietro sono conservate all’interno della Basilica, precisamente sotto l’Altare della Confessione.

La consacrazione ufficiale a San Pietro avvenne da parte di papa Urbano VIII il 18 Novembre del 1608.

San Pietro è il protettore dei pontefici e dei pescatori.

Basilica di San Paolo

Fu sempre Costantino a volere che sorgesse una basilica dedicata a San Paolo nel luogo della sua sepoltura, ovvero sulla via Ostiense, fuori dalle mura cittadine.

La prima costruzione, del IV secolo, era molto più piccola rispetto a quella attuale.

Nel corso dei secoli infatti, essa ha subito svariati rifacimenti ed ampliamenti.

Fra l’VIII ed il IX secolo purtroppo, la basilica fu preda di furti e scorrerie, che miravano ad impadronirsi dei tesori di inestimabile valore in essa contenuti.

All’inizio dell’800 inoltre, l’edificio subì un grave incendio e nel 1823 si procedette all’ultima ricostruzione, che è poi quella attuale che tutti conosciamo.

La tomba di San Paolo si trova qui, così come le catene che, secondo la tradizione, lo tennero legato in attesa del processo e della definitiva condanna a morte.

San Paolo è il protettore dei vescovi e dei missionari.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...