Santo del Giorno 19 Ottobre: San Paolo della Croce

santo del giorno 19 ottobre

Siete pronti anche stamattina a sapere qual è il Santo del giorno 19 Ottobre?

Oggi si celebra San Paolo della Croce, un sacerdote vissuto nel ‘700.

La sua grande opera di fede può riassumersi nella fondazione dell’Ordine dei Passionisti, ma la persona stessa di Paolo resta un esempio di devozione e di coerenza come pochi altri.

Per seguire la sua vocazione religiosa infatti, egli rifiutò una matrimonio economicamente vantaggioso.

Scopriamo di più su di lui e vediamo perché è importante.

Santo del giorno 19 Ottobre: chi era San Paolo della Croce. Informazioni biografiche

San Paolo della Croce

Paolo Francesco Danei nacque a Ovada (Alessandria) nel 1694.

Il padre aveva una attività commerciale e Paolo sembrava destinato a succedergli alla guida di quest’ultima, solo che in lui si mostrò, fin dalla più tenera età, una forte vocazione religiosa.

Una visione mistica lo spinse ancora di più su questa strada.

Il giovanissimo Paolo rifiutò la vita militare e persino una eredità piuttosto ingente che gli aveva lasciato uno zio sacerdote.

Preferì ritirarsi a vita eremitica, trascorrendo le sue giornate in preghiera.

Fondazione dell’Ordine dei Passionisti

Una volta presi i voti e diventato un sacerdote, Paolo ottenne dal vescovo il permesso di redigere lui stesso la regola che sarebbe diventata il fondamento dell’ordine religioso che voleva creare.

Il primo nucleo dell’Ordine dei Passionisti nacque in Toscana, sul Monte Argentario, dove Paolo si era ritirato inizialmente con la sola compagnia di uno dei suoi fratelli.

Ben presto si unirono altri uomini e prese vita la congregazione dei Passionisti.

Alla base del loro pensiero e delle loro convinzioni di fede c’era l’importanza della sofferenza di Gesù come sacrificio compiuto per la redenzione ed il bene dell’umanità.

LEGGI ANCHE:  Insegnare alle bambine il coraggio e non la perfezione: perché no?

La Passione era vista come il momento centrale del Cristianesimo.

I Passionisti erano inoltre predicatori veementi e piuttosto agguerriti ed ottennero molte conversioni.

Anche per questo la loro diffusione fu immediata sia in Italia che in Europa.

A tutt’oggi i Passionisti godono di immutata stima da parte delle autorità pontificie e delle persone comuni.

Paolo morì a Roma nel 1775.

La canonizzazione arrivò quasi un secolo dopo, precisamente nel 1867, per volere di Papa Pio IX.

San Paolo della Croce è il patrono di Ovada, la cittadina in cui nacque, e di Castellazzo Bormida.

Il Santuario principale dedicato al suo culto si trova proprio ad Ovada e porta il suo nome.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...