Santo del Giorno 20 Dicembre: San Domenico di Silos

santo del giorno 20 dicembre san domenico di silos San Domenico

Siete pronti a scoprire insieme a noi qual è il Santo del giorno 20 Dicembre?

Oggi la Chiesa Cattolica celebra San Domenico di Silos, abate vissuto in piena epoca medievale.

E’ famoso soprattutto per aver fatto rifiorire l’antico monastero di San Sebastiàn de Silos in Castiglia, terra in cui il suo culto è a tutt’oggi molto sentito fra la popolazione.

Conosciamo meglio questa interessante figura religiosa del passato: vediamo chi era, cosa fece di importante e perché è stato canonizzato.

Santo del giorno 20 Dicembre: chi era San Domenico di Silos. Cenni biografici essenziali

santo del giorno 20 dicembre san domenico di silos download 1

Le informazioni biografiche sul conto di San Domenico di Silos sono piuttosto scarse.

Sappiamo che nacque intorno al 1000 in una famiglia modesta e faceva il pastore.

Data la vocazione religiosa ed il desiderio di dedicare la propria vita a Dio, Domenico lasciò la pastorizia ed entrò nel monastero benedettino a San Millàn de la Cogolla.

Qui l’uomo si distinse per virtù umane, religiose e morali, tanto da essere eletto abate.

Quando il re di Navarra chiese a Domenico di consegnarli tutti i beni e le ricchezze del monastero, lui rifiutò senza neanche un minimo di titubanza, dicendo che quelle cose erano dei poveri e non della corona.

Ovviamente il sovrano si adirò e continuò a minacciare l’abate, che però non cedette e mantenne ferma la sua posizione.

Alla fine Domenico fu costretto a lasciare la Navarra e si rifugiò in Castiglia.

L’appoggio di Ferdinando I e l’opera di San Domenico per il monastero di San Sebastiàn de Silos

In Castiglia Domenico venne fin da subito protetto da Ferdinando I, re di quella regione.

Ad un certo punto il monarca affidò all’abate un compito importante e delicato, ovvero quello di riportare agli antichi splendori il monastero di San Sebastiàn de Silos.

LEGGI ANCHE:  Santo del Giorno 11 Ottobre: San Giovanni XXIII

All’epoca questa costruzione, che in passato era stata molto fiorente, era caduta completamente in rovina.

La missione non era certo facile, ma San Domenico accettò e si stabilì subito nel monastero stesso.

Tutto andò a meraviglia: presto la struttura tornò ai fasti del passato e divenne anche un centro culturale importante in quella terra.

Qui a Silos San Domenico morì nel 1073.

La tradizione della staffa di San Domenico

Per secoli sopravvisse la tradizione in base alla quale l’abate di Silos, quando la regina di Castiglia era incinta, le consegnava la staffa di San Domenico, che doveva fungere da protezione per il bambino.

Ecco perché San Domenico di Silos è il protettore delle gestanti.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...