Santo del Giorno 22 Giugno: San Paolino di Nola

San Paolino di Nola

Il Santo del giorno 22 Giugno è San Paolino di Nola, vescovo vissuto fra il IV e il V secolo d.C.

Conosciamolo meglio: vediamo chi era, cosa fece e perché è stato canonizzato.

Santo del giorno 22 Giugno: chi era San Paolino di Nola

santo del giorno 22 giugnoPonzio Meropio Anicio Paolino, questo il suo nome per intero, nacque intorno al 355 a Bourdeaux.

Apparteneva ad una illustre famiglia di consoli e suo padre era prefetto dell’Aquitania.

Come tutti i ragazzi nobili di allora, l’istruzione fu ottima e di stampo umanistico, comprendente pertanto lo studio della poesia e della filosofia.

Deciso ad entrare il politica, divenne governatore della Campania, uno dei numerosi possedimenti del suo casato.

Si stabilì nella città di Nola.

Agostino d’Ippona e il vescovo di Milano Ambrogio ebbero un ruolo fondamentale nella sua conversione al Cristianesimo.

Intorno al 390, Paolino ricevette il battesimo.

In seguito Paolino si sposò con Therasia; la coppia ebbe un figlio, che però morì subito dopo il parto.

Il dolore fu immenso e i coniugi decisero di dare un senso alla propria esistenza votandosi alla vita monastica.

Per farlo, si privarono del loro ingente patrimonio.

Paolino non volle mai alcuna alta carica e/o onorificenza ecclesiastica e non volle mai seguire i vescovi nelle grandi città.

Fu il popolo, che ne aveva una stima immensa, a volere che venisse consacrato sacerdote.

Si stabilì definitivamente a Nola, dove fece costruire un santuario e un ospizio per i poveri.

Alcune stanze di tale edificio, fungevano da alloggi per i monaci ed anche lui e la moglie si ritirarono qui.

La solitudine, il titolo di vescovo e la morte

Paolino visse in solitudine, trascorrendo la maggior parte del suo tempo a pregare e a meditare.

LEGGI ANCHE:  Anche i pesci hanno crisi da astinenza da droga: per colpa nostra

Nel 409, sebbene lui non lo volesse affatto, il popolo fece sì che diventasse vescovo di Nola, ruolo che poi svolse in modo egregio, con fede ed impegno, fino alla morte, sopraggiunta il 22 Giugno del 431.

La Festa dei Gigli a Nola

Oltre che protettore dei giardinieri e dei campanari, San Paolino è il patrono di Nola.

Ogni anno la sua città lo celebra con la Festa dei Gigli, di grande suggestione.

Per l’occasione infatti, vengono costruite una barca e nove gigli, macchine che poi vengono portate in processione.

La festa ha antichissime origini e trae spunto dalla tradizione: ricorda il ritorno del santo in città dopo essere stato liberato dal re dei Vandali al quale tempo prima si era spontaneamente consegnato.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...