Santo del Giorno 25 Febbraio: San Gerlando di Agrigento

Il Santo del giorno 25 Febbraio è San Gerlando di Agrigento, che la Chiesa Cattolica venera come santo patrono delle città di Agrigento e di Porto Empedocle.

Vediamo chi era e per cosa si distinse in vita.

Santo del giorno 25 Febbraio: cenni biografici su San Gerlando di Agrigento

santo del giorno 25 febbraio

Gerlando nacque a Besancon, in Francia, in un anno compreso fra il 1030 ed il 1040.

Le informazioni biografiche sul suo conto sono piuttosto scarse e a volte anche incerte, ma sappiamo che fu nominato vescovo di Agrigento nel 1088.

La Chiesa Cattolica, che lo festeggia il 25 Febbraio, lo venera come santo dal 1159.

Le sue reliquie si conservano presso la Cattedrale di Agrigento in una bella e pregiata urna d’argento.

Gli abitanti di Agrigento ritengono San Gerlando il loro protettore dalle calamità naturali, ragion per cui lo si invoca in caso di tempeste, terremoti, tuoni, lampi, fulmini ecc.

Nel Luglio del 1966, una terribile frana inghiottì una parte delle costruzioni della città ed il suo nome venne invocato ogni giorno dai cittadini.

Miracolosamente la frana, pur consistente, non provocò neanche una vittima ed i fedeli interpretarono l’accaduto come un intervento di San Gerlando.

Il vescovo morì ad Agrigento il 25 Febbraio 1100, quindi il giorno della sua morte è divenuto in seguito quello della sua commemorazione.

Altri Santi e Beati del 25 Febbraio

Oltre a San Gerlando di Agrigento, il 25 Febbraio la Chiesa Cattolica commemora altri Santi e Beati.

Essi sono: il carmelitano di Lucca San Romeo, la badessa Santa Valburga (o Valpurga), il sacerdote e martire San Turibio Romo Gonzales, il francescano Beato Sebastiano dell’Apparizione, il sacerdote Beato Roberto d’Arbrissel, il vescovo e martire San Nestore di Magydos, la missionaria Beata Maria Ludovica (Antonina) De Angelis, Beata Maria Adeodata Pisani, il vescovo e martire San Luigi Versiglia, il martire San Lorenzo Bai Xiaoman, il Beato Domenico Lentini, San Cesario di Nazianzo, San Callisto Caravario, il Beato Avertano di Lucca e la badessa Sant’Altetrude.

Queste idee valgono oro… Altro che lattine!