Scopri il casatiello napoletano: la golosa torta salata ottima tutto l’anno!

scopri il casatiello napoletano la AdobeStock 263242212

Scopri il casatiello napoletano: la golosa ricetta salata

Scopri il casatiello napoletano: la golosa ricetta salata. Secondo la tradizione, il casatiello nasce come antipasto di Pasqua. Praticamente apre il pranzo di Pasqua accompagnato da un invitante assortimento di affettati.

scopri il casatiello napoletano la AdobeStock 263242212

 

Oggigiorno questa torta o ciambella rustica si ritiene più adatta a uno spuntino, seppure di quelli belli sostanziosi, o a un picnic all’aria aperta, ma naturalmente ogni famiglia napoletana si regola come crede.

A parte il salame, gli ingredienti di questa nostra versione dell’antica ricetta sono i soliti e classici: farina, lievito di birra, strutto e pecorino. Chiaro che se a te piace il salame napoletano, sei liberissimo/a di aggiungerlo.

Ma veniamo alla ricetta.

Scopri il casatiello napoletano: gli ingredienti

Occorrono: 600 grammi di farina; 225 grammi di strutto; 40 grammi di lievito di birra; quattro cucchiai di pecorino romano grattugiato; sale q.b.; sei uova; quanto basta di pepe nero.

La preparazione

Si prepara il lievito di birra in una boule e ci si versa sopra mezzo bicchiere di acqua tiepida, dopodiché si mescola fino a che il lievito non si dissolve.

Quindi si setacciano sopra una spianatoia 600 grammi di farina assieme a un cucchiaino di sale. Si crea la classica fontana, nel cono si versa l’acqua con il lievito di cui sopra e poi si aggiungono 50 grammi di strutto.

Adesso si lavora il tutto con le mani, in caso aggiungendo acqua, fino a che l’impasto raggiunge una consistenza piuttosto morbida. Bisogna lavorarlo con buona energia per una decina di minuti, poi si copre con un panno, si ripone in un luogo tiepido e si lascia lievitare per almeno un’ora e mezza.

Passata l’ora e mezza, si riprende l’impasto, si batte con le mani per farlo sgonfiare e si lavora col mattarello fino a ricavare un rettangolo spesso più o meno un centimetro. Sulla sua superficie adesso si stende dello strutto e si spolverano una presa di pepe e un paio di cucchiai di pecorino.

LEGGI ANCHE:  Pane di Pasqua: buonissimo e bello da vedere! La ricetta veloce

Fatto questo, si piega il rettangolo a metà per il verso lungo, si unge con dell’altra sugna (lo strutto) e ci si spolverano sopra altri due cucchiai di pecorino e un’altra presa di pepe; quindi si piega ancora la sfoglia e si stende. Dopodiché si unge, si piega e si stende per una terza volta: stavolta il rettangolo dovrà essere un po’ più lungo del diametro dello stampo da forno.

Ora dall’impasto si stacca un pezzo grosso più o meno come un panino, poi si unge con lo strutto e si mette da parte. Adesso si avvolge il rettangolo di cui sopra su se stesso, a mo’ di ciambella, e lo si adagia nello stampo (che avrai unto di strutto): poi si copre con un panno e si lascia che l’impasto lieviti per un tre ore.

Ora si lavano e si asciugano sei uova. Quando, passate le tre ore, la pasta è lievitata, si piazzano sul casatiello con le parti più sottili rivolte verso il centro e distanti più o meno quattro o cinque centimetri l’una dall’altra e si bloccano in posizione con due strisce di pasta incrociate che avremo messo da parte alla bisogna. Per far aderire per bene le strisce al casatiello si possono spennellare con della chiara d’uovo sbattuta.

Ora non resta che cuocere in forno statico preriscaldato: a 160 gradi per un’ora.

Buon appetito!

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...