Scopri se la tua bottiglia o contenitore in plastica è tossica e può danneggiare la tua salute!

Molto spesso si parla del problema della grande quantità di plastica che contamina tutto il nostro pianeta. Nonostante questo importante problema, non ci sono stati sostanziali cambiamenti per risolvere questa situazione.

9973_2La plastica è formata da una serie di catene di atomi di carbonio, ai quali sono legati altri elementi. Sono proprio quest’ultimi che determinano le caratteristiche macroscopiche del materiale.
Le plastiche si differenziano in vari tipi, trasparenti, opache, resistenti ed altri flessibili. Se queste vengono sottoposte al calore si ammorbidiscono o si induriscono, a seconda dei legami che sono uniti al carbonio. Dunque ogni plastica è formata da molecole e legami diversi, quindi a seconda della plastica, questa verrà riciclata in maniera diversa.
La plastica è utilizzata molto a causa delle sue importanti caratteristiche e proprietà. Essa è assai leggera e resistente, ma ci sono molte cose che bisogna sapere a riguardo.
Ad esempio le bottiglie d’acqua sono fatte di questo materiale. Ma avete mai fatto caso alla presenza di un numero sul fondo della bottiglia?
Il numero stampato sul fondo dei contenitori in plastica ha lo scopo di separare i diversi tipi di plastica nei centri di raccolta per permetterne il riciclo.
Quella che vi mostriamo qui di seguito è la lista dei numeri e delle plastiche corrispondenti. Inoltre vi daremo delle utili informazione per sapere quali sono i materiali più sicuri per la nostra salute.

9973_3

1) PET
Si tratta di un’abbreviazione con cui viene indicato il polietilene tereftalato. Viene utilizzato nella realizzazione di molti contenitori usa e getta ed è una plastica leggera e flessibile.
I contenitori che presentano questa sostanza non dovrebbero essere utilizzati più di una volta, poiché aumenta il rischio di contaminazioni batteriche. Inoltre questo può rilasciare sostanze tossiche che interagiscono cn il nostro sistema endocrino. Per lavare questi contenitori c’è bisogno di una pulizia professionale chimica, non basta una semplice pulizia domestica.

2) HDPE
Si tratta di una plastica con una densità assai elevata. Di conseguenza questo materiale è più rigido, e viene utilizzato per realizzare contenitori di saponi, detersivi, olio e per giocattoli. Gli specialisti raccomandano di acquistare bottiglie d’acqua che presentano questa sigla, poiché sono le più sicure e l’acqua è più pura.

LEGGI ANCHE:  Aromaterapia, quattro oli essenziali per l’ambiente domestico

3) PVC
Si tratta di un’abbreviazione con cui viene indicato il cloruro di polivinile. Questo materiale viene impiegato per realizzare imballaggi alimentari, alcune bottiglie di olio da cucina, giocattoli per bambini e per animali. Gli specialisti sconsigliano di acquistare prodotti realizzati con questa sostanza, poiché potrebbe rilasciare sostanze chimiche pericolose per il nostro organismo.

4) LDPE
Si differenzia dal HDPE per le catene di carbonio che sono molto distanti l’una dall’altra, determinando una plastica molto più flessibile. Questa sostanza non può essere impiegata per confezionare prodotti alimentari, poiché rilascia sostanze pericolose.

5) PP
Si tratta dell’abbreviazione del polipropilene. Viene utilizzato per confezionare cibi più delicati, come i latticini e i vasetti di yogurt. Questa plastica non si scioglie se sottoposta al calore e a differenza delle altre plastiche protegge dall’umidità.

6) PS
Si tratta di un’abbreviazione con cui viene indicato il polistirene. Viene impiegato per realizzare elettrodomestici, pannelli bianchi e leggeri, alcuni piatti e bicchieri di plastica ed offrono una protezione dagli urti. Bisogna tenerlo lontano da fonti di calore poichè potrebbe rilasciare sostanze cancerogene.

7) Altro
In questa categoria ricadono tutti gli altri tipi di plastica che sono costituiti da due o più materiali. Sono marchiate con il numero 7 anche le plastiche alternative di origine non fossile.

Grazie a queste informazioni potrete riconoscere di cosa sono fatti gli oggetti, i contenitori e gli apparecchi che acquistate. Quindi controllate sempre che la plastica utilizzata sia quella giusta, facendo attenzione al numero stampato sul fondo dei contenitori!

Biologa Nutrizionista: Maria Leonardi

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...