Scottature solari: quali sono i rimedi naturali che funzionano

Scottature solari: quali sono i rimedi naturali che funzionano.

Stiamo andando verso l’estate e se siete di quelle persone che non sanno rinunciare alla tintarella, per voi può essere utile un vademecum su come evitare le scottature e come porvi rimedio nel caso non siate stati molto attenti in spiaggia.

Ci sono molti rimedi naturali che possono alleviare gli eritemi e le bruciature provocati dal sole impietoso dell’estate.

Ma naturalmente il consiglio principale, se volete evitare le scottature o addirittura le insolazioni, è premunirsi sempre con un buon filtro solare adatto al vostro tipo di pelle e applicarlo almeno mezz’ora prima di esporsi al sole.

Scopriamo quali sono le cause, i sintomi e rimedi naturali più efficaci per le scottature solari.

Scottature solari: quali sono i rimedi naturali che funzionano

Le scottature sono il risultato di una troppo prolungata esposizione al sole e dipendono essenzialmente dai raggi ultravioletti. È chiaro che le persone maggiormente esposte alle scottature sono quelle con la pelle molto chiara e soprattutto quelle coi capelli biondi o rossi e gli occhi chiari.

Sintomi di una scottatura possono essere: arrossamento della pelle; bruciore; prurito; desquamazione; bolle o pustole; febbre; nausea.

Importante. Se la scottatura è molto estesa e soprattutto se compare febbre alta, particolarmente nei bambini, evitate assolutamente il fai da te e rivolgetevi subito al vostro medico di fiducia.

Alimenti utili a prevenire le scottature possono essere: le carote, i pomodori, le angurie, il cacao, il tè verde, le albicocche, l’olio di lino, i peperoni rossi, le pesche, la curcuma.

I rimedi naturali

Tra i rimedi naturali cui si può fare ricorso si possono citare soprattutto vari bagni allevianti e alcuni impacchi rinfrescanti.

LEGGI ANCHE:  Dolci senza zucchero: 5 modi per usarne di meno o per niente

Tra i bagni allevianti possono essere utili quello all’aceto di mele, quello al bicarbonato di sodio e quello alla farina di avena.

Il primo prevede l’aggiunta all’acqua tiepida della vasca da bagno di un bicchiere di aceto di mele. Quello al bicarbonato consisterà invece nell’aggiunta di mezzo bicchiere di bicarbonato, mentre per il bagno di farina di avena potete procedere così: si può versare la farina direttamente nell’acqua della vasca oppure la si può versare dentro un sacchettino d’organza che poi va tenuto ammollo mentre voi fate il bagno.

Se il bruciore è forte, può essere utilissimo un impacco con aloe vera: occorre stendere sulla pelle del gel di aloe come se si trattasse di un a pomata per il doposole. Sarà ancora più rinfrescante se prima di applicarla la riponete per una mezzora in frigorifero.

Queste idee valgono oro… Altro che lattine!