Sostanze pericolose nelle stoviglie “vegetali”, lo dice una rivista francese

sostanze pericolose nelle stoviglie vegetali 669e85b069c1a126003c642c81365312

Sostanze pericolose nelle stoviglie “vegetali”, lo dice una rivista francese

Sostanze pericolose nelle stoviglie “vegetali”, lo dice una rivista francese. In Francia la legge ha vietato l’uso di stoviglie usa e getta di plastica, sicché sia i consumatori normali che i ristoratori si sono rivolti a delle alternative “vegetali”.

sostanze pericolose nelle stoviglie vegetali 669e85b069c1a126003c642c81365312

L’associazione di tutela dei consumatori UFC-Que Choisir ha voluto verificare se queste alternative siano davvero sicure.

La risposta non è stata molto incoraggiante, dato che, secondo quanto dichiara Que Choisir, in 57 di questi prodotti si è riscontrata una eccessiva presenza di composti pericolosi sia per la salute che per l’ambiente.

In Francia nel 2015 è passata una legge sulla “transizione energetica per la crescita verde” e questo ha dato luogo alla progressiva proibizione di un certo numero di rifiuti plastici non riciclabili, tra i quali appunto piatti e posate usa e getta.

Dal primo gennaio 2020 è anche vietata la vendita di piatti, bicchieri e tazze, oltre che di cannucce e posate, dato che sono appunto usa e getta e di plastica.

Ora, per sapere se i prodotti che hanno sostituito le stoviglie in plastica sono sicuri o no per la salute e per l’ambiente, Que Choisir si è aggregata ad altre tre associazioni di consumatori europee e ha fatto testare 57 prodotti a base di polpa vegetale, carta e cartone alla ricerca di sei famiglie di contaminanti.

Sostanze pericolose: perfluorati ma non solo

In breve, dal test è risultato che c’erano sostanze potenzialmente pericolose in due terzi dei campioni.

In particolare, nel 66 per cento dei campioni testati si sono trovati dei perfluorati, che servono a far sì che le stoviglie “vegetali” possano resistere all’acqua e ai grassi, e dei quali si ritiene che alcuni siano cangerogeni, immunotossici e che interferiscano col sistema endocrino.

LEGGI ANCHE:  Sgonfiare la pancia con cinque semplici rimedi naturali

In alcuni campioni la loro quantità era oltre i limiti di legge. Que Choisir sottolinea inoltre il rischio di “effetto cocktail”, ovvero l’accumulo di sostanze diverse (per esempio ammine aromatiche, perfluorati e cloropropanoli), in particolare quando si tratta di cannucce in carta o cartone.

L’associazione francese sottolinea anche come, a suo parere, la stessa legislazione europea sia lacunosa, poiché invece di stabilire una lista chiusa di sostanze e additivi autorizzati si limita a porre un principio di “innocuità” dei materiali impiegati dai fabbricanti di stoviglie e contenitori di origine “vegetale” (ovvero polpa vegetale o foglie di palma per le stoviglie e carta o cartone per le cannucce).

Quanto al carattere “compostabile” e “biodegradabile” dei prodotti in questione, Que Choisir punta il dito sul fatto che compostare questi prodotti può rilasciare nell’ambiente sostanze potenzialmente pericolose come i perfluorati, che tra l’altro si dimostrano anche particolarmente persistenti.

 

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...