Tacos e tortillas: scopri come fare in casa due gioielli del cibo di strada messicano

Tacos e tortillas: scopri come fare in casa due gioielli del cibo di strada messicano.

Il taco tradizionale messicano è fatto con una tortilla di mais o di frumento morbida (questa è una differenza fondamentale rispetto alla versione spuria Tex-Mex, detta non a caso hard shell), unta col sugo del ripieno e scaldata per pochi secondi. In Messico i taco con le tortilla croccanti non vengono considerati “messicani”, ma piuttosto una corruzione “yanqui”.

 

Il taco non va confuso col burrito: la differenza, in soldoni, è che il taco è aperto, mentre il burrito è chiuso, con la tortilla che abbraccia il ripieno a mo’ di cannolo.

Tacos e tortillas: scopri come fare in casa due gioielli del cibo di strada messicano

La tortilla è una focaccina rotonda che si fa con farina di frumento o di mais. Ci sono zone del Messico dove la tortilla è impastata con una particolare farina di mais bianca, denominata “masa harina”, che da noi non si trova facilmente.

Il che non ci impedisce certo di preparare le nostre tortillas in casa adoperando farina di grano e farina di mais. La possiamo fare in due modi: o bianca o gialla, a seconda della farina che scegliamo. Partendo sempre dalla tortilla, ricavare un taco è semplicissimo, dato che un taco non è altro che una tortilla piegata in due a forma di mezzaluna.

Sempre a proposito di forma e di nomi, è anche interessante ricordare che se dalla tortilla si tagliano dei triangoli, questi si chiamano nacos.

Gli ingredienti

Gli ingredienti necessari per preparare la tortilla per i tacos o per i burritos sono questi: 150 grammi di farina tipo zero; un cucchiaio di olio extravergine di oliva; un pizzichino di sale; un cucchiaino di bicarbonato; acqua quanto basta.

LEGGI ANCHE:  Polpette di verza senza uova, leggere e gustose. Con sole 40 calorie

La preparazione

Fai così

In una ciotola mischia farina, sale e bicarbonato, poi aggiungi un filo d’olio e poco alla volta anche l’acqua. Devi lavorare l’impasto con le dita fino a che non viene liscio e omogeneo.

A quel punto fai riposare per una mezzora a temperatura ambiente, dopodiché riprendi l’impasto e lo suddividi in sei palline all’incirca delle stesse dimensioni. Adesso non ti resta che prendere il mattarello e stendere ciascuna “polpetta” fino allo spessore di una sfoglia. Se vuoi che le tue tortillas siano perfettamente rotonde, puoi adoperare un coperchio come delma: lo metti sopra la sfoglia e scontorni con un coltello, semplicissimo.

Per la cottura devi munirti di una padella antiaderente o di una piastra per piadine: non occorre ungere il fondo. La cottura di solito richiede un paio di minuti per lato. Se ti piacciono morbide, il consiglio è di metterle una sopra l’altra in un piatto, dopodiché le copri con un panno da cucina inumidito.

Quanto al ripieno, quello è interamente a tuo gusto, ti ci puoi sbizzarrire.

Buon appetito!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...