Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Temptation Island Vip, Nathalie Caldonazzo a ‘Vieni da Me”: durissima con Adrea Ippoliti. E ricorda Troisi.

Pubblicità

Una delle coppie protagoniste dell’ultima edizione di “Temptation Island Vip” è stata quella dell’ex “ragazza del Bagaglino” Nathalie Caldonazzo e dall’ormai ex fidanzato, l’imprenditore Andrea Ippoliti.

E’ finita perché lui si è lasciato “distrarre” dalla giovane tentatrice Zoe Mallucci, con la quale peraltro la frequentazione si è già conclusa.

Nathalie e Andrea di sono detti addio durante un concitato confronto finale davanti al falò. Poi si sono incontrati come ospiti a “Uomini e Donne” di Maria De Filippi, la quale è anche produttrice del docu-reality a cui hanno partecipato; tuttavia la situazione tra loro non è affatto migliorata.

Pubblicità

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 5 dicembre, la Caldonazzo è stata ospite a “Vieni da Me”, il programma condotto da Caterina Balivo su RAI 1. Naturalmente ha parlato di Ippoliti, dichiarando di non volerlo più vedere.

“È stata la delusione più grande della mia vita. Non pensavo di provare una sensazione da film horror. Una storia in cui credevo tantissimo, ho rinunciato al 90% di me stessa e mi sono ritrovata in una realtà scioccante”, ha detto. Zoe Mallucci è più piccola di sua figlia!

Ippoliti risponderà a Nathalie Caldonazzo? Ricordiamo che l’uomo ha già un matrimonio alle spalle; anzi, durante “Temptation Island Vip”, si è fatta viva la sua ex moglie, Daniela Pandini, dalla quale ha avuto tre figli. Lui aveva dichiarato di non aver mai tradito, ma la donna racconta esattamente il contrario.

Nathalie ha avuto un’altra relazione “storica”: quella con il compianto Massimo Troisi, prematuramente scomparso il 4 giugno 1994. Intervistata da Caterina Balivo, ha parlato anche di lui.

“Fu ricoverato per un mese e mezzo, eravamo io e lui da soli in America, avevo 24 anni. Chiamavo la famiglia ma alla fine nessuno venne per un motivo o per l’altro. Ci fu un’operazione di urgenza al cuore. Purtroppo non andò bene. Lui con quel pigiama bianco e gli occhioni spauriti mi faceva tenerezza, mi sembrava Pulcinella. I dottori mi dissero che l’operazione era andata malissimo e non sapevano nemmeno se ce l’avrebbe fatta a tornare in Italia. Siamo tornati devastati, io pesavo 49 kg, lui forse un po’ di più. Decise di fare ‘Il Postino’, film bellissimo. Però se non l’avesse fatto forse sarebbe ancora vivo, perché prima doveva fare un trapianto. Con lui è stato amore puro”.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...