Redazione Contatti Impostazioni Privacy

The Irishman su Netflix: trama, cast e curiosità

the irishman
Pubblicità

The Irishman su Netflix: l’ultimo film di Martin Scorsese dal 27 novembre sarà disponibile sulla piattaforma streaming più famosa del mondo.

The Irishman è un film del 2019, il più recente diretto dal grande Martin Scorsese. Ne sono interpreti, tra gli altri, Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci.

Pubblicità

Il film è l’adattamento per il cinema di un saggio pubblicato nel 2004, L’irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa (il titolo originale è tutto diverso: I Heard You Paint Houses).

Il saggio si deve alla penna di Charles Brandt ed è basato sulla vita di un tale Frank Sheeran. Sull’onda del film, la casa editrice Fazi lo ha ripubblicato col titolo The Irishman.

The Irishman: la trama

Frank Sheeran è un veterano della seconda guerra mondiale e per campare fa il sicario per conto della mafia. Il tipo affina le sue abilità da criminale durante il suo servizio in Italia.

Da vecchio, riflette sugli avvenimenti che hanno definito la sua carriera di sicario, in particolare il ruolo che ha avuto nella scomparsa del leader sindacale dei camionisti Jimmy Hoffa, che era un suo amico di vecchia data, ma anche sul suo coinvolgimento con la famiglia mafiosa Bufalino.

Gli interpreti

Pubblicità

Robert De Niro non è nuovo al lavoro con Martin Scorsese: i due hanno collaborato in addirittura nove film e anche in un corto. Tra questi vanno citati almeno Mean Streets, Taxi Driver (“’You talkin’ to me?”), Toro scatenato e Goodfellas.

Pure Joe Pesci ha avuto una produttiva consuetudine col grande regista italo-americano: lo ricordiamo soprattutto nel ruolo dello psicopatico Tommy DeVito in Goodfellas (Quei bravi ragazzi, 1991).

Quanto ad Al Pacino, si tratta del suo primo film con Martin Scorsese. Come dire, un appuntamento che non poteva più essere rimandato.

The Irishman: curiosità

Poiché per finire il film Scorsese ci ha messo cinque anni, in un’intervista a Paolo Mereghetti sul Corriere della Sera il regista ha dichiarato che “Al (Pacino) aveva una pura folle di morire prima di vedere il film finito”.

Il progetto è stato rifiutato da alcune case di produzione per via del budget tutt’altro che trascurabile, questo fino a che del film non si è interessata Netflix, che ci ha messo un sacco di soldi (140 milioni di dollari).

Il monumentale budget è anche dovuto alla costosa tecnica di ringiovanimento digitale che è stata usata nel film per ridare agli attori il loro volto da giovani. Ci ha pensato la Industrial Light & Magic.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...