Ti hanno rubato il cellulare? Ecco 3 modi per recuperarlo o renderlo inutilizzabile

Gli smartphone sono alcuni tra gli oggetti preferiti dai piccoli criminali, che alla prima occasione riusciranno a sottrarlo con una destrezza da veri prestigiatori. La verità è che ciò avviene perché, nonostante la presenza di strumenti dissuasori disponibile sul dispositivo stesso, non tutti siamo abituati a servircene. Ecco cosa fare nel caso in cui perdiamo o ci venga sottratto lo smartphone.

facebook_1432675833269

Localizzazione GPS

Tutti i maggiori sistemi operativi consentono di tenere traccia della posizione del proprio telefono. La presenza della tecnologia GPS (cioè quella utilizzata per navigatore) viene sfruttata anche in casi di emergenza.

Sia Apple che Android consentono di accedere ad un pannello di controllo in rete – da qualsiasi dispositivo connesso ad internet – per localizzare la posizione esatta del nostro telefono. Inoltre esistono servizi aggiuntivi per eliminare tutti i dati personali nel momento in cui qualcuno si appropria del nostro cellulare.

Bloccare l’IMEI

Il codice IMEI è composto da una serie di numeri che costituiscono una sorta di identità del dispositivo, come un’impronta digitale. Ogni smartphone ha un codice IMEI, che possiamo controllare digitando *#06# sulla tastiera del telefono. Annotiamolo e teniamolo sempre a portata di mano. Se abbiamo la certezza che qualcuno si sia appropriato con dolo del dispositivo, contattiamo il nostro operatore mobile (Tim, Wind, ecc.) e richiediamo di bloccare immediatamente il codice IMEI, affinché il dispositivo non possa più essere utilizzato per chiamare o collegarsi in rete.

Localizzazione GSM

Altro modo per rintracciare il telefono è la triangolazione GSM. Esiste un’applicazione, chiamata G-NetTrack Lite, che può essere scaricata gratuitamente su Google Play per i dispositivi Android. Una volta installata, l’app rileverà diversi numeri relativi al cellulare (MCC, MNC, LAC, CID). Ottenuti questi numeri sarà necessario annotarli e, in caso di necessità, li inseriremo in CellFinder per conoscere la posizione del nostro dispositivo.

LEGGI ANCHE:  Tortini di patate ripieni con cuore morbido di formaggio filante e pancetta

Se ognuno di noi utilizzasse questi metodi in caso di furto, in poco tempo sarebbe nota l’assoluta utilità del rubare cellulari e dunque eviteremmo inutili fastidi!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...