Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Passare più tempo con la mamma allunga la sua vita, lo rivela questo studio

Pubblicità

Le relazioni interpersonali possono migliorare o peggiorare la nostra qualità della vita. I risultati sono meglio osservati negli anziani.

Una ricerca condotta nel 2012 dall’Università della California e pubblicata dalla American Medical Association ha valutato l’effetto delle relazioni interpersonali negli anziani. La ricerca era intitolata “La solitudine negli anziani: un predittore del declino funzionale e della morte”.

La solitudine è una fonte comune di angoscia, sofferenza e deterioramento della qualità della vita negli anziani. Nella ricerca, hanno studiato la relazione tra solitudine, deterioramento funzionale e morte negli adulti oltre i 60 negli Stati Uniti.

Trascorrere più tempo con la mamma allunga la sua vita, lo rivela uno studio

Pubblicità

Lo studio ha avuto 1604 partecipanti tra il 2002 e il 2008. L’età media era di 71 anni. Il 59% erano donne.

Ai partecipanti è stato chiesto se: (1) si sentono esclusi, (2) si sentono isolati o (3) manca loro la compagnia. I soggetti erano classificati come non solitari se rispondevano quasi mai alle 3 domande e solitari se rispondevano a una parte del tempo o spesso a una qualsiasi delle 3 domande.

Per i ricercatori, questo studio potrebbe avere importanti implicazioni per la salute pubblica, dal momento che quasi 1 su 3 soggetti ha riferito di sentirsi da solo, e l’associazione tra solitudine, disabilità e morte era alta. Tuttavia, la solitudine può essere un importante fattore predittivo di esiti avversi per la salute .

I risultati suggeriscono che la valutazione delle persone anziane sulla solitudine può essere un modo utile per identificare le persone anziane a rischio di disabilità e di cattive condizioni di salute.

La chiave del deterioramento

Per i ricercatori, la solitudine era un predittore del deterioramento funzionale e della successiva morte. Secondo un’altra indagine effettuata dal Dipartimento di Medicina Interna presso l’Università della California, negli adulti più anziani, lo stato di salute generale non è influenzata solo da condizioni strettamente biologiche e mediche, ma anche dal disagio psicosociale.

Ciò significa che la buona salute di un adulto dipenderà in larga misura dal suo stato d’animo, dalle sue relazioni sociali e dalla sua salute mentale. Quindi gli esperti concordano sul fatto che la solitudine è la chiave per il deterioramento della salute.

La solitudine degli anziani

Quando parliamo di solitudine molte volte pensiamo alla terza età. La nostra società non apprezza sempre l’esperienza e l’insegnamento che i nostri nonni possono lasciarci, e spesso li dimentichiamo.

Pubblicità

Così, alcuni adulti che non possono più badare a se stessi sono tenuti in case di cura o semplicemente passano molto tempo senza vedere i loro parenti. In questo contesto, le persone diventano tristi e ciò influenza l’anima e il corpo.

Dagli il risalto che meritano

I nostri nonni sono le radici della nostra famiglia. Sono l’ancora, il timone del nostro albero genealogico.

Allunga la vita dei tuoi cari

Ora sai che se vuoi che tua madre viva più a lungo, devi passare più tempo con lei. E lo stesso per il resto degli anziani nella tua famiglia.

Incoraggia i tuoi genitori e i tuoi nonni a trascorrere più tempo con i loro amici, vicini o conoscenti. Incoraggiali a iscriversi a un corso o a frequentare un seminario di qualche tipo, dove possono socializzare e fare nuove amicizie.

Le relazioni sociali saranno l’antidoto alla solitudine e alla depressione e ti aiuteranno a entrare in contatto con gli altri, a vedere la tua vita in modo positivo e a sentirti felice per ogni giorno vissuto.


Potrebbe interessarti anche...