Ecco come trasformare vecchi vasi in lampade. Riciclo creativo

Quando siamo a casa a volte capita di guardarci intorno e soffermare lo sguardo su complementi d’arredo e oggettistica varia che continuano a tenere nonostante sia arrivato il momento di cambiare.

A nessuno del resto piace spendere denaro per acquistare nuovi articoli che fra qualche anno sentiremo già il desiderio di cambiare. Se continuiamo ad osservare, però, noteremo anche la tendenza a conservare cose che non usiamo. Unendo le due circostanze… forse un amante dei fai da te può trarne qualcosa di buono.

Se siete alla ricerca di un’idea per ottenere a basso costo un nuovo lampadario dallo stile rustico, quella che stiamo per mostrarvi potrebbe fare al caso vostro.

Come realizzare una lampada con un vaso.

L’idea è quella del riciclo, quindi se abbiamo un vaso di terracotta, oppure in plastica di buona qualità dovremmo cogliere l’occasione ed utilizzarlo.

Cosa serve

colla a caldo e pistola
lampadina
portalampada
morsetti elettrici

Procedimento

Anticipiamo che ricavare una lampada da un vaso è molto semplice, dato che per consentire all’acqua in eccesso di fuoriuscire tutti i vasi presentano un foro sul fondo.

Si passa subito al dunque infilando il cavo del portalampada all’interno del foro del vaso. Naturalmente il vaso, per fare da paralume, dovrà essere usato “al contrario”. Se notiamo che tende a muoversi usiamo la colla a caldo per saldarlo bene al portalampada.

Quando la colla sarà completamente asciutta possiamo andare a staccare la corrente abbassando tutte le levette sul quadro elettrico.

Facciamo in modo da rendere visibili i fili elettrici all’estremità del cavo, poi colleghiamoli ai fili del soffitto usando i morsetti. Infine dovremo fissare il filo del portalampada agli appositi ganci che si trovano sul soffitto.

LEGGI ANCHE:  Bisce in giardino? Come riconoscerle ed eliminarle senza far loro del male

In pochi minuti avremo una originale lampada rustica. Questa è un’ottima idea anche per chi ha una casa al mare o in montagna, per ridurre le spese di manutenzione!

Fonte dell’idea

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...