Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Tutti modi possibili di assorbire la vitamina D durante la quarantena

vitamina d e sole
Pubblicità

Tutti i modi possibili di assorbire la vitamina D durante la quarantena.

La forzata reclusione volontaria causa Coronavirus può avere svariate conseguenze. La maggior parte di esse sono fuori del nostro controllo, ma alcune altre le possiamo in qualche modo influenzare.

Pubblicità

Come? Fondamentalmente attraverso l’alimentazione e l’esercizio fisico.

Con un minimo di sforzo di volontà, è possibile che anche durante la quarantena riusciamo a mantenere una routine simile a quella dei giorni “normali”, ma per altri aspetti, come per esempio la possibilità di stare all’aria aperta, la cosa è parecchio più complicata.

E stare all’aria aperta è fondamentale per l’assorbimento della vitamina D.

Tutti i modi possibili di assorbire la vitamina D durante la quarantena

Un calo significativo della vitamina D comporta una diminuzione dell’assorbimento di calcio e fosforo nella dieta. Il problema è che l’assorbimento di vitamina D passa per la gran parte attraverso il contatto diretto con la luce solare, dato che tra gli alimenti pochissimi sono una fonte diretta di questa vitamina.

Anche se sono pochi, non è inutile elencarli: il pesce azzurro (salmone, tonno, sardine); i frutti di mare (ostriche, gamberi, gamberetti); i funghi; l’avocado: tra i vegetali è il più ricco di vitamina D; le uova (soprattutto nel tuorlo: meglio consumarle intere).

Pubblicità

Ma come si diceva, il modo più efficiente di assorbire vitamina D è attraverso l’esposizione diretta alla luce del sole (non attraverso i vetri di una finestra, come nella foto). In questi giorni di confinamento in casa può non essere facile prendere il sole, soprattutto se fa cattivo tempo, ma nelle belle giornate è sufficiente esporsi al sole per una mezzora al giorno sul balcone, per esempio, e il gioco è fatto.

Perché è importante mantenere un buon livello di vitamina D:

stimola il sistema immunitario e aiuta a proteggersi contro i virus;

riduce il rischio di malattie cardiache;

ha un ruolo chiave nel mantenimento delle funzioni cognitive a mano a mano che invecchiamo.

 


Potrebbe interessarti anche...