Uccide una rara giraffa nera e posta orgogliosa la foto su Facebook: l’ira della rete

Tess Thompson Talley, un americana con una certa predilezione per la caccia agli animali selvatici, è diventato oggetto di attenzione sui social network nelle ultime settimane. Il motivo principale sono alcune fotografie che la stessa donna ha pubblicato un anno fa sul suo account  Facebook, dove è vista posare sorridente accanto al cadavere di una “giraffa nera” nel bel mezzo della savana sudafricana .

Le immagini sono state raccolte il 16 giugno dal portale di notizie “Africa Digest”, che ha denunciato la performance di Thompson Talley in una pubblicazione che ha già più di 20.000 “Mi piace”.

Alcuni paesi africani (SudafricaNamibiaZambia e Zimbabweconsentono la caccia agli animali e lo considerano uno sport, ma allo stesso tempo è una delle attività più ripudiate dalla società. Poche ore dopo che gli eventi di Thompson Talley si sono diffusi sui social network, la pubblicazione è diventata virale e l’americana non è stata in grado di sbarazzarsi delle critiche di migliaia di utenti di Internet che considerano un comportamento selvaggio quello di aver messo fine alla vita dell’animale. 

“Spero sia divorata da un leone o attaccata da un rinoceronte o calpestata da un elefante”, dice uno dei tweet. “La specie umana è una piaga e verrà il giorno in cui la natura e questo pianeta si ergeranno contro la nostra specie”, dice un altro. “La sua brutalità non conosce confini”, dice un terzo. Apparentemente, non è stata la prima volta che Thompson Talley ha fatto spedizioni nel continente africano e,  come è successo ai suoi tempi con il re Juan Carlos I, il peso dell’opinione pubblica è caduta su di lei.

LEGGI ANCHE:  ECCO COME TOGLIERE I PELI SENZA SPENDERE 1 EURO (Delicatamente e senza prodotti chimici)

Al passo delle critiche

Dal momento che le fotografie della giraffa – così come di altre specie morte – sono state diffuse in tutto il mondo, Thompson Talley ha dovuto difendersi tramite una e-mail che ha inviato alla rete televisiva di  Fox News “La giraffa non era rara, ma apparteneva a una sottospecie”, ha scritto la donna.

Nel suo discorso, il cacciatore ha anche spiegato che la giraffa aveva 18 anni e che era troppo vecchia per riprodursi. Inoltre, ha riferito anche che l’animale aveva ucciso tre giovani giraffe, causando la la diminuzione della mandria. In breve, il suo gesto aveva lo scopo di conservare la specie.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...