Una mamma realizza bambole che hanno le stesse disabilità dei bambini, aiutandoli ad accettare le loro differenze

Per tutti noi, specie da bambini e da adolescenti, il desiderio più grande è essere accettati. E per essere accettati, per far parte del gruppo, cerchiamo di conformarci al gruppo anche nell’aspetto fisico.

 

Per alcuni di noi, però, questo è impossibile. Per esempio per i bambini che soffrono di condizioni o malattie particolari che li distinguono a prima vista da tutti gli altri.

Per questi piccoli la “battaglia” è doppia: contro la loro malattia o condizione e contro gli stereotipi di cui siamo tutti vittime fin dall’infanzia.

Basti citare su tutti il caso della Barbie: stangona coscialunga bionda e decisamente wasp che fino a non molto tempo fa era venduta tale e quale in tutto il mondo.

Una bambola che se la regalavi a una discendente di svedesi del Minnesota non c’erano problemi, ma già non era più così per una bambina discendente di siciliani a New York, e figuriamoci se poi la piccola in questione era una india di Città del Messico.

 

fonte immagine

E comunque in genere non era neppure questione di discendenza. La Barbie poteva essere un modello inavvicinabile anche per le bambine di puro ceppo germanico: mica siamo tutti alti 1,80, biondi e con gli occhi chiari…

Ancora oggi è molto difficile trovare dei giocattoli che possano far sentire rappresentati i bambini che hanno problemi fisici di vario tipo, il che può generare in loro un sentimento di esclusione fin dalla più tenera età.

fonte immagine

Amy Jandrisevits è una signora del Wisconsin che si è resa conto del problema e che ha deciso di fare qualcosa al riguardo. Anni fa lavorava come assistente sociale e tra i suoi compiti c’era quello di dare assistenza ai bambini malati terminali.

LEGGI ANCHE:  Un bambino restituisce la bottiglia vuota alla persona che l’ha gettata dalla macchina

fonte immagine

Per quei piccoli giocare con una bambola poteva essere una piccola fonte di consolazione, ma se per esempio si trattava di bimbi che avevano perso i capelli per via della chemio, giocare con bambole o bambolotti pieni di capelli non faceva altro che rammentare loto quanto erano diversi.

L’idea della signora è stata quella di confezionare bambole che assomigliassero ai bimbi in carne e ossa che dovevano giocarci: con gli occhiali, se avevano gli occhiali, con l’apparecchio acustico se avevano l’apparecchio acustico, senza capelli se facevano la chemio, e così via…

fonte immagine

Dopodiché, siccome siamo sempre in America, la signora ha deciso di fondare una vera e propria azienda dedicata a questo compito.
Il nome della ditta dice tutto quello che c’è da sapere sulla “filosofia” della ditta: A Doll like Me, Una bambola come me.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...