Redazione Contatti Impostazioni Privacy

Uova: proprietà, miti e 35 modi folli per poterle cucinare

Pubblicità

Uova: proprietà e miti.

Uova e salute: se c’è un argomento che si può definire ever-green, questo è proprio quello del rapporto tra il consumo di uova e la salute.

Pubblicità

C’è chi considera le uova il cibo più nutriente che ci sia, altri le scansano come la peste, per via del colesterolo, altri ancora ne lodano l’estrema versatilità in cucina. Insomma, le uova sono come certi personaggi dello show-biz: parlatene anche male, ma parlatene.

Sono ricche in proteine, ferro, zinco e vitamine, e una cosa è sicura, qualunque cosa ne pensiamo: sono fondamentali nell’alimentazione umana.

Ma conosciamo più da vicino l’uovo di gallina, ovvero l’incarnazione più comune dell’uovo in quanto idea platonica, per dir così.

Pesa in media 50 grammi e si può distinguere in tre parti: guscio esterno, fatto soprattutto di calcio, sottile, fragile, poroso, permette scambi gassosi con l’ambiente; l’albume, separato dal guscio da una doppia membrana; infine il tuorlo, separato dall’albume da un’altra membrana e che sta perfettamente al centro dell’uovo.

Uova: proprietà e miti

Il tuorlo è una dispersione di globuli lipoproteici in una massa acquosa; è ricco di proteine e grassi, ma anche di lecitine.

Pubblicità

Quanto ai grassi o lipidi, al contrario della maggior parte degli alimenti, solo il 65 per cento dei lipidi dell’uovo è costituito da trigliceridi. L’uovo è infatti ricchissimo di lecitine ed in generale di fosfolipidi, che gli conferiscono proprietà decisamente importanti in termini di salute.

Inoltre i grassi delle uova sono per lo più monoinsaturi e polinsaturi, ovvero si tratta di grassi benefici per l’organismo.

Quanto al colesterolo, con circa 200 milligrammi l’uovo ne contiene parecchio, sì, ma c’è da notare che l’elevato contenuto di lecitine favorisce il cosiddetto trasporto inverso del colesterolo dalle arterie al fegato, potenziando l’attività delle HDL (High-Density Lipoprotein), ovvero il cosiddetto “colesterolo buono”.

Non solo: pare anche che le lecitine favoriscano la funzionalità cerebrale e una buona fisiologia intestinale. Basti pensare che due uova alla coque lasciano lo stomaco in due ore, mentre una porzione di carne di solito ne impiega tre.

Importante: abbiamo detto del ruolo positivo delle lecitine, ma se soffrite di alti livelli di colesterolo, è comunque buona norma non mangiare più di tre uova a settimana.

Come dicono gli inglesi, “better safe than sorry”.

Ed ora vi lasciamo a questi 35 modi folli per poterle gustare in tutte le “salse”!

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche...