Verrà un giorno in cui tu diventerai il genitore dei tuoi genitori

Essere genitori significa contenere, dare sostegno, accompagnare la crescita, essere i garanti dei nostri figli. Essere genitori vuol dire educare, crescere, creare e garantire il necessario nella specie più indifesa del regno animale, l’essere umano. Siamo bambini quando nasciamo e continuiamo a essere bambini quando il ciclo si chiude e invecchiamo.

L’aspettativa di vita oggi è molto più alta rispetto a decenni fa, a causa dei progressi della medicina, degli stili di vita più sani e dell’evoluzione della specie. Questo è fantastico ma tutto ha pro e contro. I nostri genitori avranno più possibilità di arrivare ad essere anziani e ben venga.

Le forti braccia che ci cullavano oggi tremano. Gli sguardi che ci hanno protetto oggi sono confusi e intimoriti. La sicurezza che usciva da quelle labbra per dire delle verità importanti, oggi è tremante e impotente. Chi inventava giochi affinché mangiassimo, oggi ha bisogno di farsi tagliare il cibo in piccoli pezzi.

E così che nell’arco della vita passiamo dall’essere custoditi a essere custodi, l’equazione della protezione si inverte, quelli che una volta si occupavano di noi, oggi hanno bisogno della nostra protezione.

Gli uomini e le donne sono preparati – anche se spesso non sappiamo come – a gestire l’educazione dei nostri figli. Ma non siamo in alcun modo preparati per farlo con i nostri genitori. Possiamo interrogarci e chiederci perché ci costa così tanto.

Educare i nostri figli è accompagnare con gioia, paura, successi ed errori l’inizio della vita. Mentre che pensare al declino e alla morte dei nostri genitori ci rende tristi, angosciati e arrabbiati. Vedere i nostri genitori invecchiare significa assistere a un lento declino di quelli che da piccoli consideravamo i “nostri supereroi”, si passa dall’idealizzazione alla triste realtà.

LEGGI ANCHE:  Una ricerca dice che chi ama il sapore amaro ha questa personalità

Prendersi cura dei nostri genitori anziani significa pure iniziare a dire loro addio.

Prendersi cura di loro significa restituire con amore i nostri primi anni di vita pieni di carezze, domeniche a fare gite, serate nel lettone a farsi coccolare, TV, cartoni animati, gelati, patatine fritte, e tanto cioccolato.

Non ci sono buone notizie all’inizio di questa storia. La morte esiste e rattrista, e se è quella dei nostri genitori ancora di più. L’unica cosa che davvero possiamo fare, è accudire con amore i nostri genitori anziani.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...