Vincent Van Gogh: tutto ciò che c’è da sapere sull’artista più torturato di tutti i tempi

Vincent Van Gogh è sempre stato uno degli artisti più discussi e più interessanti del corso degli ultimi secoli. La sua maestria è fuori discussione ma soprattutto la sua vita tormentata ne ha caratterizzato un personaggio che è rimasto ancora avvolto nel mistero a distanza di secoli. È stato autore di quasi 900 dipinti. Van Gogh influenzò l’arte del XX secolo a causa dei suoi disturbi mentali ed ha avuto una vita davvero molto particolare e che vale la pena scoprire. Infatti ci sono tantissime curiosità su questo personaggio che vale la pena conoscere e che nessuno di noi si aspetterebbe. Ecco quali sono.

vincent van gogh

Le curiosità su Vincent van Gogh

Vincent Van Gogh nella sua vita riuscii a vedere un solo quadro, una carriera lunga 27 anni, purtroppo non era mai riuscito a sfondare. Eppure il suo successo post mortem è stato davvero imprevedibile e mastodontico. Alcuni parlano di lui come di un pazzo ma in realtà è uno degli artisti più celebrati tutto il mondo. Ha una serie di misteri che riguardano anche la sua morte perché molto probabilmente si parla di suicidio ed in altri casi di omicidio. Non si capisce neanche bene chi gli abbia tagliato effettivamente l’orecchio e se fu lui stesso a farlo. Ma poi, soprattutto che fine fecero alcuni dei suoi dipinti? Tra le curiosità su Vincent van Gogh c’è il fatto che usava le candele sul suo cappello in modo da riuscire a dipingere anche di notte perché era in quel periodo che era molto ispirato. Anche se si parla di un suo suicidio sui libri di storia, molti parlano di omicidio, in particolare alcuni giornali che il giorno della sua morte avevano messo in mostra questa possibilità per la scomparsa dell’artista trentasettenne. C’è anche una storia che lascerebbe intendere come qualcun altro abbia tagliato l’Orecchio di Vincent Van Gogh e non solo e questo sarebbe stato però un incidente con il suo collega Paul Gauguin. Il dipinto La Notte Stellata di Van Gogh sembrerebbe essere stato dipinto quando lui era ricoverato nell’ospedale psichiatrico fuori Saint Remy. In Olanda c’è anche una tomba con il suo nome, ma in realtà è quello di un’altra persona e poi l’artista aveva un fratello che era morto ad un anno. Chi lo conosceva insomma lo definiva come un mezzo pazzo che si vestiva male, era sporco, trasandato e anche molto scorbutica. Nonostante tutto ad oggi, è uno degli autori maggiormente amati.

LEGGI ANCHE:  Un artista ha ritratto i sentimenti e le emozioni per come sono davvero: vi faranno piangere

Ti è piaciuto l’articolo su Vincent Van Gogh? Lascia un commento!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...