Redazione Contatti Impostazioni Privacy

La morte di un proprio genitore è simile ad un incubo. Mai più niente sarà come prima.

Pubblicità

Non tutti piangono la morte di una persona cara nello stesso modo. Mentre alcune persone la superano con il passare del tempo, per altri diventa quasi impossibile e diventa un’ombra che li accompagna senza via d’uscita. Quest’ultimo caso è quello del cosiddetto “dolore complicato”, una sindrome che, per la prima volta, è stata dimostrata empiricamente grazie alla registrazione di immagini dell’attività cerebrale delle persone che ne soffrono.

I risultati hanno dimostrato che questo tipo di lutto è dovuto al fatto che la perdita di una persona cara attiva il circuito di ricompensa del cervello, diventando così una vera dipendenza.

Tutte le persone provano dolore per la morte di una persona cara ad un certo punto della loro vita, ma non tutte reagiscono allo stesso modo.

In effetti, per una considerevole minoranza è impossibile andare avanti e, persino anni dopo la morte della persona amata, qualsiasi ricordo della perdita – come una foto – è ancora troppo doloroso. Al contrario, le persone che superano il loro dolore passano attraverso un processo di adattamento naturale, normale e, con il passare del tempo, finisce per guarire le loro ferite.

Pubblicità

Su questo problema è stata condotta un’indagine, grazie all’uso di tecnologie per la registrazione di immagini dell’attività cerebrale, in particolare, i ricercatori hanno utilizzato la tecnologia fMRI, che consente l’imaging cerebrale mediante risonanza magnetica funzionale.

I risultati ottenuti hanno dimostrato che questo tipo di lutto attiva i neuroni dei centri di ricompensa del cervello, garantendo le proprietà di ricordi dolorosi simili a quelli di qualsiasi dipendenza, secondo una dichiarazione dell’UCLA. Questa scoperta, secondo gli scienziati, potrebbe aiutare gli psicologi a prendersi cura di chi soffre di questo tipo di dolore.

Controlla i meccanismi ipotetici

Fino ad ora, si sapeva poco dei meccanismi neurali che distinguono entrambi i tipi di lutto, spiegano i ricercatori sulla rivista specializzata NeuroImage.

Dopo la morte di un caro amico, coloro che si adattano alla perdita non riescono ad avere questa ricompensa neurale. Al contrario, coloro che non riescono ad adattarsi, continuano a desiderarlo, perché ogni volta che vedono un segno della persona amata ricevono comunque la corrispondente ricompensa neurale. Tutto questo meccanismo avviene a livello inconscio.

Per fare questo, sono state analizzate 23 donne che avevano sofferto della perdita delle loro madri o di una sorella a causa del cancro al seno.

Reazione di dipendenza

Di tutte queste donne, 11 hanno sofferto il lutto in modo doloroso, mentre le altre 12 hanno accettato in modo normale la perdita. Ognuno dei partecipanti ha portato con sé una fotografia del loro parente defunto, e questa immagine è stata mostrata a loro mentre i loro cervelli sono stati scansionati con la fMRI. Successivamente, i cervelli dei partecipanti all’esperimento furono anche scansionati mentre guardavano la fotografia di una donna a loro sconosciuta.

Crediti immagine: guardachevideo.it

Pubblicità

Gli scienziati hanno cercato l’attività neuronale in un’area del cervello chiamata nucleus accumbens, che è stata tradizionalmente associata alla ricompensa. È interessante notare che è stato dimostrato che questa regione svolge un ruolo importante anche nello sviluppo di affetti sociali, come l’attaccamento ai fratelli o alla madre.

Allo stesso modo, i ricercatori hanno esaminato l’attività neuronale del circuito del dolore nel cervello, in regioni come la corteccia anteriore dorsale anteriore o l’insula, coinvolte nel dolore sia sociale che fisico.

Hanno scoperto che nel cervello di tutte le donne (di coloro che soffrivano di dolore  e di quelli che non lo facevano) si attivava la rete cerebrale del dolore dopo aver visto la foto della loro amata defunta. Tuttavia, solo nel caso di donne che soffrivano molto il lutto, c’era anche un’attivazione significativa del nucleo accumbens, cioè del circuito di ricompensa del cervello.

Sindrome catalogata

Il dolore eccessivo può indebolire i familiari e generare il desiderio ricorrente di emozioni dolorose come l’ansia intensa o il desiderio di morire. Ora, questa sindrome è stata definita da una serie di criteri empirici e viene presa in considerazione per l’inclusione nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali dell’American Psychiatric Association, il DSM-IV .

Questo manuale consiste in una classificazione dei disturbi mentali allo scopo di fornire descrizioni chiare di questi per facilitare la loro diagnosi.


Potrebbe interessarti anche...