Non hai più carta forno? Scopri con noi il metodo migliore per rimediare!

ecco il metodo migliore per AdobeStock 15405405

Come sostituire la carta forno quando ti accorgi che l’hai finita.

La carta forno è una di quelle piccole invenzioni cui non si fa troppo caso, ma che, se ci si pensa bene, hanno cambiato la vita di parecchie persone.

ecco il metodo migliore per AdobeStock 15405405

La carta forno, in particolare, da quando esiste ci permette ci cucinare con pochi grassi, quelli che prima bisognava usare per non far attaccare le pietanze.

Come funziona lo sappiamo tutti: basta inserirne un foglio tra lo stampo o la teglia e i cibi da cuocere e poi subito in forno.

Crostate, pizze, torte dolci o salate, ma anche arrosti e contorni: è bello non avere a che fare con delle teglie unte o con resti di cibo incrostato difficili da eliminare.

Fantastico, direte voi, e allora dov’è il problema? Il problema, come da titolo, si manifesta quando per un motivo o per l’altro la carta forno è finita e non possiamo subito procurarcene un altro rotolo.

Che si fa in questi casi? La riposta è presto detta: si adopera qualcos’altro.

Come sostituire la carta forno quando ti accorgi che l’hai finita

Di alternative alla carta forno in effetti ce ne sono almeno 4 e sicuramente qualcuna l’avete già sperimentata senza bisogno dei nostri suggerimenti.

Ma vediamole più nel dettaglio, queste soluzioni alternative.

L’alluminio

È la classica carta argentata. Per alcuni non è mai passata di moda e quindi la troviamo ancora usata per le cotture al cartoccio. L’unico svantaggio dell’alluminio è che alle alte temperature non è proprio consigliabile. Però come soluzione d’emergenza va benissimo.

Burro e farina

Anche qui si va sul classico. Un velo di burro, un po’ di farina e state certi che il vostro impasto non si attaccherà. Certo, la carta forno è più pratica e ci evita di “sporcare” le teglie o gli stampi col burro e la farina, ma quando manca tornare alle vecchie abitudini è una buona soluzione.

LEGGI ANCHE:  Peli degli animali ecco come eliminarli tutti senza fatica!

Olio d’oliva o olio di semi

Idem come sopra. La logica è la stessa. La carta forno è una soluzione più “pulita”, ma se manca, soprattutto quando si tratta di ricette salate, “ripiegare” sull’olio e il pan grattato è una validissima alternativa. Basterà spennellarne qualche goccia sul fondo della teglia e spolverare con una manciata di pangrattato.

Il silicone

I fogli o gli stampi di silicone ormai fanno parte della dotazione base di ogni cuoco o pasticciere degno di questo nome. Sono molto efficaci e quindi anche molto adoperati. Come alternativa alla carta forno, il silicone è ottimo: resiste alle alte temperature, non attacca, è igienico, si può riadoperare ad libitum.

Niente

Già, esiste anche questa possibilità. Chiaro che in questo caso c’è il rischio che il cibo si attacchi alle teglie e agli stampi, ma ovviamente dipende anche da quello che si cuoce.

Per certi prodotti, infatti, ad esempio frutta secca o semi, non c’è bisogno di usare nient’altro, vanno solo girati ogni tanto.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...