Santo del Giorno 15 Maggio: Sant’Isidoro l’Agricoltore

Sant'Isidoro l'agricoltore

Il Santo del giorno 15 Maggio è Sant’Isidoro l’agricoltore.

Dal nome stesso si intuisce quale mestiere egli facesse, anche se della sua vita sappiamo molto poco.

Vediamo meglio chi era.

Santo del giorno 15 Maggio: chi era Sant’Isidoro l’agricoltore

Come abbiamo accennato, abbiamo scarse informazioni biografiche su Sant’Isidoro l’agricoltore, ma alcun dubbio circa la sua santità e, come facilmente intuibile, sul lavoro che svolgeva.

Isidoro visse in pieno Medioevo, fra l’XI e il XII secolo, a Madrid (Spagna), dove lavorò come contadino presso un ricco possidente.

L’uomo era profondamente religioso ed ogni mattina, prima di recarsi nei campi, andava a messa.

Inoltre, non solo dedicava a Dio tutti i giorni di festa, ma era sempre disponibile ad aiutare il prossimo, soprattutto i più poveri.

Quasi sempre egli donava loro una parte del suo salario e non solo si privava volentieri del superfluo, ma persino del necessario a volte, pur di essere d’aiuto ai bisognosi.

Il comportamento irreprensibile di Isidoro suscitò l’invidia di qualcuno, che per metterlo in cattiva luce con il padrone, non esitò a dire che non era un valido contadino in quanto la terra da lui lavorata fruttificava poco.

Isidoro allora, fece al proprio datore di lavoro la seguente proposta: a fronte di risultati poco soddisfacenti, gli sarebbe stato diminuito il salario.

Ebbene, i frutti del terreno coltivato da Isidoro superarono ogni previsione e furono abbondantissimi.

Sappiamo che Isidoro aveva una moglie di nome Maria, oggi beata, e un figlio.

Morì intorno al 1090 e a tutt’oggi è molto venerato soprattutto in Spagna.

Un aneddoto sulla bontà e la generosità di Sant’Isidoro

Per comprendere la generosità di Sant’Isidoro l’agricoltore e di come spesso Dio la premiasse con miracoli e doni, l’aneddoto che segue è piuttosto esplicativo.

LEGGI ANCHE:  Le persone che non sono mai puntuali hanno più successo e vivono più a lungo. Lo dice la scienza!

In una fredda mattina d’inverno, recandosi al lavoro presso il mulino, Isidoro si imbatté in un gran numero di uccelli affamati che pigolavano.

Mosso a pietà, egli dette loro gran parte del grano contenuto nel suo sacco.

Chi lo vide lo irrise, ma poi tutti si sorpresero nel constatare che, nel mulino, la quantità di farina era la stessa di prima e non era affatto diminuita.

La generosità dell’uomo quindi, era stata premiata da altrettanta generosità da parte di Dio.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...