Santo del Giorno 3 Settembre: San Gregorio Magno

Sapete qual è il Santo del giorno 3 Settembre?

Oggi la Chiesa Cattolica festeggia San Gregorio Magno, che fu papa ed è una delle figure più importanti nella storia del Cattolicesimo.

Conosciamolo meglio: vediamo chi era e cosa ha fatto.

Santo del giorno 3 Settembre: chi era San Gregorio Magno

Santo del giorno 3 settembre

Gregorio Magno nacque a Roma nel 540 da una famiglia agiata e vicina ai centri del potere.

Questa posizione di privilegio permise al giovane Gregorio di essere nominato Prefetto di Roma.

Intelligente ed abile nello svolgimento dei suoi compiti, Gregorio decise però di abbandonare quel tipo di vita per quella religiosa.

Dopo essere stato a lungo abate del Monastero di Sant’Andrea sul Celio ed essersi fatto amare e rispettare da tutti, Papa Pelagio lo chiamò per affidargli il compito di Nunzio Apostolico a Costantinopoli.

Il papato

Dopo aver svolto il suo compito egregiamente, sembrò del tutto naturale che Gregorio dovesse succedere a Pelagio al soglio di Pietro.

Il 3 Settembre del 590, egli divenne il 64° papa della Chiesa Cattolica.

L’appellativo di “magno” sta ad indicare la grandezza della sua persona e del suo pontificato.

Gregorio è stato, in effetti, grande sotto ogni punto di vista, umanamente ed intellettualmente.

Innanzitutto utilizzò le immense risorse della Chiesa per aiutare la parte di popolazione che soffriva di più, quella più povera e bisognosa, colpita da malattie, carestie ed epidemie.

Inoltre Gregorio Magno combatté le eresie sconfiggendole quasi del tutto e scrisse discorsi e sermoni che facevano molta presa sulla gente, anche sulle persone più umili, grazie al linguaggio comprensibile a chiunque e al tono paterno ed affettuoso.

Dal punto di vista politico, Gregorio si impegnò nel mantenimento della pace con i Longobardi, in ciò aiutato anche dalla collaborazione con Teodolinda, la loro sovrana cattolica.

LEGGI ANCHE:  Santo del Giorno 25 Febbraio: San Gerlando di Agrigento

Si deve a lui infine, una significativa riforma del rito liturgico.

La morte sopraggiunse nel 604, ma Gregorio Magno ha lasciato un segno di sé indelebile nella storia.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...