Santo del Giorno 31 Agosto: Santi Giuseppe d’Arimatea e Nicodemo

Santi Giuseppe d'Arimatea e Nicodemo

Siete pronti a scoprire insieme a noi qual è il Santo del giorno 31 Agosto?

Oggi la Chiesa Cattolica festeggia i Santi Giuseppe d’Arimatea e Nicodemo.

Conosciamoli da vicino: vediamo chi erano, cosa fecero, perché sono importanti e perché sono stati canonizzati.

Santo del giorno 31 Agosto: chi era Giuseppe d’Arimatea

Santo del giorno 31 Agosto

Di Giuseppe d’Arimatea, figura che compare nel Nuovo Testamento e nei Vangeli Apocrifi, si sa pochissimo.

Di sicuro era un ebreo religioso e faceva parte del Sinedrio.

Quando Gesù iniziò a predicare, Giuseppe restò affascinato dalla sua figura e dalle sue parole e cominciò a seguirlo pur senza manifestare apertamente le sue simpatie cristiane.

Dopo la Crocifissione però, l’uomo uscì allo scoperto e, approfittando della sua posizione di potere, chiese a Pilato di poter seppellire Gesù in una tomba e non nella fossa comune come all’epoca si usava per chi veniva condannato a morte.

Dopo la Resurrezione egli non viene più nominato, ma si trova scritto di lui nei Vangeli apocrifi, che però non sono attendibili dal punto di vista storico.

Su Giuseppe d’Arimatea sono sorte, nei secoli, numerose leggende, ma è quasi impossibile cercare di estrapolarne i dati reali.

Chi era Nicodemo

Nicodemo era un altro importante membro del Sinedrio.

Anche sul suo conto le informazioni biografiche sono molto scarne.

Come Giuseppe d’Arimatea, egli rimase affascinato dalla figura e dalla predicazione di Gesù.

Per non farsi scoprire dagli altri, avvicinò Gesù nottetempo e gli fece domande circa la sua missione.

Il breve dialogo con il Messia lo convinse di trovarsi realmente di fronte ad un inviato del Signore.

Nicodemo, prima che Gesù venisse condannato, ebbe anche il coraggio di difenderlo davanti agli altri membri del Sinedrio.

LEGGI ANCHE:  Oroscopo di Paolo Fox di oggi 19 agosto 2020

Come anticipato, insieme a Giuseppe si occupò di concedere i giusti onori al corpo di Gesù, che profumarono con oli ed unguenti prima di deporlo nel sepolcro.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...