10 suggerimenti per aiutarti a riconoscere la qualità degli indumenti

Quando acquistiamo un vestito, una maglia o altro tipo di indumento o accessorio facciamo sempre attenzione alla qualità… ma siamo sicuri di conoscere le tecniche per una verifica efficace? Di seguito i trucchi per verificare la qualità di un indumento.

Stropicciare il cotone

Prendiamo il tessuto e “strizziamolo” tra le mani per qualche secondo. Se l’effetto è simile a quello che si ottiene con un foglio di carta, vuol dire che il tessuto è stato trattato con dei prodotti particolari affinché mantenga la sua forma. Si tratta di indumenti che già dopo i primi lavaggi cominciano a rovinarsi.

Tirare le cuciture

Gli indumenti e gli accessori di qualità hanno cuciture molto strette. Tiriamo leggermente le due parti divise dalla cucitura: se notiamo evidenti vuoti, meglio riporre l’articolo al suo posto.

Zip scoperte

Per i vestiti e gli accessori che hanno una zip, meglio se quest’ultima è coperta da una striscia di tessuto che la protegge. Questa piccola attenzione le rende più durevoli. Inoltre, se la zip è in materiale plastico sarebbe meglio evitare l’acquisto.

Spesso dell’orlo

I pantaloni e le gonne dovrebbero avere un orlo di circa 4 centimetri. Le giacche e le maglie possono invece averne uno meno spesso, di 2 centimetri. Se non c’è orlo, l’indumento è di scarsa qualità.

Estendere il tessuto

Un indumento di qualità mantiene sempre la sua forma. Prendiamo la parte elastica di un articolo e estendiamola, tirandola delicatamente. Se il tessuto perde la sua forma è di scarsa qualità.

Lunghezza zip

Facciamo sempre attenzione alla lunghezza della zip sui vestiti, sulle gonne e in generale su tutti i tipi di indumenti. Assicuriamoci che la lunghezza delle due cerniere sia identica, così come il colore.

LEGGI ANCHE:  Taglia 3 vecchi asciugamani a strisce e le intreccia. Quello che crea non dovrebbe mancare nel vostro bagno

Attenzione all’etichetta

I tessuti naturali come cotone, seta e lana, sono più forti e longevi dei tessuti sintetici. Nonostante ciò, un tessuto composto al 100% da cotone potrebbe rovinarsi già al primo lavaggio. L’ideale è scegliere capi che siano al 70-80% di tessuto naturale e il resto di materia sintetica, ad esempio nylon, poliestere, ecc.

Tessuto e cucitura

Diamo un’occhiata all’intero articolo. Se notiamo che in alcune parti non coincide il colore del tessuto e della cucitura, allora vuol dire che la sua realizzazione è avvenuta in maniera frettolosa e certamente non indirizzata alla qualità.

Bottoni e asole

Le asole e i bottoni sono i “sintomi” principali dell’attenzione impiegata nella realizzazione del capo. I produttori di capi di scarsa qualità tendono a non dare importanza ai dettagli.

Tonalità della superficie

Quando un accessorio dal colore uniforme presenta una diversa tonalità causata dalle pieghe e dagli avvallamenti, ciò vuol dire che l’articolo è realizzato con materiali di discutibile qualità. Assicuriamoci che la superficie sia perfettamente liscia e il colore omogeneo.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...