Bollo auto 2020: sconti e novità, le cose da sapere

Bollo auto 2020, le novità.

Come al solito in Italia, l’anno nuovo porta sempre nuove tasse.

Col debito pubblico più alto in Europa (e il terzo al mondo) e una classe politica di irresponsabili che non ne vuol sapere di tagliare le spese, i conti si fanno “quadrare” (più o meno) colpendo sempre i soliti noti.

E tra i soliti noti ci sono ovviamente gli automobilisti, che tra assicurazione, bollo, pedaggi autostradali e prezzo dei carburanti danno tutti gli anni una bella mano alla famelica macchina mangia-soldi dello Stato.

Per quanto riguarda il bollo auto, la prima grossa novità del 2020 è la nuova modalità di pagamento.

Bollo auto 2020, le cose da sapere

Pare infatti che dal primo gennaio il balzello si potrà pagare con PagoPa, un nuovo sistema di riscossione introdotto dall’Agenzia delle Entrate.

Non è che per il contribuente cambi chissà che. Secondo quanto spiega il Governo sul suo portale ufficiale, PagoPa non è una piattaforma sulla quale pagare, ma “una nuova modalità per eseguire tramite i Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti, i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione in modalità standardizzata”.

L’obolo si potrà versare o direttamente sul sito o tramite apposita app oppure attraverso i canali fisici, come gli sportelli bancari, i bancomat, le agenzie della Sisal, la Posta.

Sul fronte degli sconti, ne è previsto uno del cinquanta per cento per le auto e i motocicli di interesse storico o collezionistico che abbiano una anzianità di immatricolazione tra i 20 e i 29 anni

C’è uno sconto totale, cioè un’esenzione, invece, per chi compra un’auto ibrida o elettrica, ma lo sconto è temporaneo e la sua durata dipende dalla Regione di residenza.

LEGGI ANCHE:  Organizzare la craft room: guida e consigli per realizzarla!

 

Nella regione Lombardia dal 2020 chi corrisponderà l’importo del bollo tramite domiciliazione bancaria potrà fruire di una riduzione del quindici per cento.

Giova ricordare che il bollo va pagato entro l’ultimo giorno del mese seguente a quello di scadenza.

Il calcolo del dovuto si può fare sulla pagina apposita del sito della Agenzia delle Entrate oppure su quello dell’Automobile Club d’Italia.

per ulteriori approfondimenti sul sito ufficiale Agid

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...