Fritti croccanti, ma leggeri? Il segreto è il Panko! Ecco come prepararlo!

Innegabilmente i piatti più gustosi sono proprio loro, quei fritti croccanti e golosi che deliziano il palato in ogni stagione e soddisfano ogni sfizio. Ma, purtroppo, non sono propriamente salutari…

Siamo, infatti, abituate ad avvolgere gli alimenti con un rivestimento di farina, uva e pangrattato, non sempre così facile da digerire.

Ma l’alternativa esiste, arriva dall’Oriente, e prende il nome di Panko! Si tratta di una panatura speciale, tipica della cucina giapponese, a base di pane bianco in cassetta, che rende ogni piatto croccante e leggera. In commercio troverete il composto già pronto, ma se imparerete a realizzarlo a casa vostra, potrete essere certe di aver utilizzato solo ed unicamente ingredienti sani e genuini… quindi, mano agli attrezzi e in un attimo sarete in grado di servire una frittura perfetta per palato e stomaco! Curiose? Iniziamo!

fritti croccanti

Fritti croccanti: ingredienti e preparazione del Panko.

Il panko trova il suo impiego soprattutto per la preparazione di cibi tipici giapponesi (tonkatsu, kurokke, ebi fry, curry pan, eccetera), ma si presta perfettamente alla realizzazione di piatti tradizionali della cucina Mediterranea, come ad esempio, la classica cotoletta, per un risultato dalla consistenza croccante e saporita.

Per realizzarlo in casa propria, avrete bisogno solo di:

  • fecola di patate o amido di riso, 1 cucchiaio,
  • pane bianco in cassetta o pancarré privo di crosta, 4 fette,
  • carta da forno,
  • frullatore o mixer,
  • teglia in ceramica.

Impostate il forno a 50 gradi. Rivestite la teglia con la carta apposita.

Riducete le fette di pane a dadini e inseritele nel robot da cucina, aggiungendo via via anche la fecola o l’amido. Frullate per qualche secondo per ottenere una polvere non troppo sottile. 

LEGGI ANCHE:  6 semplici soluzioni salva-spazio per un bagno small-size

Trasferite le briciole sul pirex, create uno strato omogeneo e ben distribuito. Infornate per mezz’ora circa, controllate di tanto in tanto e quando il composto apparirà asciutto al tatto, estraetelo: non deve cuocere ma solo seccare. Il panko è pronto!

Sostituitelo semplicemente al pangrattato comune: passate gli alimenti quindi prima nella farina, poi nell’uovo e poi nel panko. Friggete come d’abitudine, rigirando bene su ogni lato: il risultato sarà una panatura dorata e quasi rialzata, croccante e leggera! Buon appetito!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...