Ecco Come mantenere le uova dai 9 ai 12 mesi senza alcun rischio per la nostra salute e senza doverle buttar via

Quando le galline producono le uova, queste presentano uno strato protettivo naturale che consente di conservarle per lunghi periodi di tempo. Per motivi igienici viene rimosso prima che le uova arrivino sugli scaffali dei supermercati, abbreviandone visibilmente il periodo di conservazione.

Uno dei metodi più “geniali” per allungare questo periodo è ricreare lo strato protettivo naturale, o quantomeno simularlo. A questo scopo può servire l’olio minerale, da acquistare in farmacia, negli appositi reparti dei grandi supermercati oppure online. L’olio deve essere lievemente riscaldato (10-15 secondi) e poi distribuito sulle uova.

In questo modo possiamo approfittare delle offerte e fare un po’ di scorte senza preoccuparci di dove mangiare continuamente uova. Resisteranno fino a 9-12 mesi a seconda della loro freschezza all’acquisto.

Bisogna considerare che il cartone delle uova tende ad assorbire l’olio minerale, quindi meglio optare per un diverso contenitore.

Il lato negative di questo metodo (o meglio della lunga conservazione) è che non sarà possibile usare le uova per preparare le meringhe e o altri piatti che richiedono la montatura dell’albume. In questi casi si consiglia di usare uova appena comprate e fresche.

Per il resto, lo strato protettivo fornito dall’olio minerale permette di utilizzare le uova nel più classico dei modi, ad esempio friggendole in padella… magari aggiungendo un po’ di bacon per completare il piatto!

Il prezzo di un litro di olio minerale si aggira intorno a 10 euro, ma è evidente che per bagnare un po’ di uova ne useremo davvero poco, aiutati dal calore che aumenta in pochissimo tempo il volume di questo liquido.

Se non ci fidiamo di questo metodo possiamo effettuare un piccolo esperimento su due uova: ne conserveremo una ricoperta d’olio minerale e l’altra senza. Lasciamo trascorre un po’ di giorni e poi facciamo un confronto. L’olfatto è un ottimo giudice in questo caso.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...