Perché il riso del ristorante è più buono del tuo? Scopri il trucco degli chef

perché il riso del ristorante è più buono

Perché il riso del ristorante è più buono del tuo? Scopri il trucco degli chef.

Perché il riso che si mangia la ristorante di solito è più buono di quello che si fa in casa? Non è solo un’impressione soggettiva: il riso degli chef è davvero più gustoso. Scopriamo perché.

In fondo il “trucco”, se così possiamo chiamarlo, è semplice. La cosa che molti di noi dimenticano di fare a casa, infatti, è sciacquare il riso sotto l’acqua. Si tratta in buona sostanza di eliminare l’eccesso di amido. È il troppo amido, infatti, che di solito rende il riso colloso e coi chicchi tutti attaccati, mentre al ristorante questo non accade quasi mai.

Peraltro va osservato che questa operazione non va fatta con tutti i tipi di riso, per esempio non serve con quelli a chicco lungo, mentre d’altra parte il riso nero va tenuto in acqua più a lungo degli altri.

Insomma, ribadiamo il punto: spesso a casa ci dimentichiamo del tutto di sciacquare il riso, il che rende il risultato finale parecchio diverso da quello che ottengono gli chef nelle loro grandi cucine professionali.

Perché il riso del ristorante è più buono del tuo? Scopri il trucco degli chef

Più in concreto, il riso va sciacquato e poi ammollato nell’acqua fino a che quest’ultima non diventa del tutto trasparente, il che significa che bisogna tenerlo a mollo cambiando periodicamente l’acqua (o facendola scorrere) fino a che questa non si pulisce completamente dell’amido.

Gli chef di solito tengono il riso a mollo per una ventina di minuti prima della cottura, ma è chiaro che una cucina professionale non può che avere tempi più ristretti rispetto a quelli di casa tua.

LEGGI ANCHE:  Patate al gratin un piatto unico e ricco di gusto!

Questa operazione di sciacquatura produce due risultati: rende il riso più digeribile e diminuisce i tempi di cottura.

In definitiva puoi seguire queste semplici: misura la quantità di riso che vuoi servire a tavola; immergi il riso nell’acqua per una notte intera; la mattina dopo risciacqua con delicatezza fino a che l’acqua che passa attraverso il riso non è del tutto trasparente;

scola il riso e poi lo metti a bollire in una pentola con acqua in rapporto di cinque a uno rispetto al riso; quando arriva a bollore, abbassa la fiamma, copri la pentola e fai andare a fuoco minimo per un dieci o quindici minuti; usa una forchetta per tenere i chicchi separati.

Buon appetito!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...