Prugne tutto l’anno: se fai così le avrai sempre a disposizione per infinite ricette!

prugne deliziose se non fai prugne tutto l anno

Le prugne sono davvero deliziose e in questo periodo abbondano sui rami degli alberi.

Non sono solo buone, sono anche benefiche: contengono abbondante vitamina A, utilissima per la pelle, C antiossidante, del gruppo B, fibre che promuovono la peristalsi intestinale, potassio per reintegrare i sali minerali, magnesio, calcio e fosforo per sostenere il sistema muscolo scheletrico. Insomma sono un vero e proprio toccasana. E, dal momento che in questo periodo, la natura le offre in abbondanza non sprechiamo l’occasione di conservarle il più a lungo possibile.

Certo, possiamo trasformarle in una meravigliosa confettura, ma esistono due alternative che le valorizzano anche maggiormente, conservando le proprietà nutritive in tutte le loro declinazioni.

Curiose? Iniziamo!

prugne deliziose se non fai 001

Prugne: non solo confettura! Trucchi e ricette per conservarle e gustarle tutto l’anno

Quando le acquistate, prediligete quelle dalla buccia carnosa e morbida, non troppo mature, ma neppure eccessivamente dure. Conservatele in frigorifero e consumatele fresche, per lo più. Ma se volete tenerle da parte per l’inverno, esiste ben più di una possibilità.

prugne deliziose se non fai 003

  1. Lavatele con cura, dividetele a metà e denocciolatele. Se desiderate, potete anche sbucciarle, ma non è necessario, seguite le vostre preferenze personali. Ora riducetele a spicchi o a dadini, poi adagiatele su una pirofila e sistematele in freezer. Attendete che siano completamente congelate, quindi sistematele in bustine di plastica richiudibili, etichettatele e riponetele nuovamente nel congelatore. Utilizzatele come preferite, estraendole solo al momento del bisogno, entro comunque 6 mesi dalla data riportata.
  2. Un altro modo per conservarle è l’essicazione: sbollentatele per pochissimo tempo in abbondante acqua non salata, la buccia deve solo sollevarsi leggermente. Scolatele e disponetele sulla leccarda. Ora potete lasciarle al sole per tutto il tempo necessario affinché l’acqua contenuta evapori e i frutti secchino in modo naturale, oppure infornarle a 60° per due ore, con lo sportello aperto. Una volta disidratate, riponetele in barattoli di vetro a chiusura ermetica.
  3. E ancora, potete preparare le prugne sciroppate, ma senza zucchero, servendovi solo e unicamente del fruttosio ivi contenuto. Lavatele e asciugatele, dividetele in due e togliete il nocciolo. Sistemate una fetta alla volta in un contenitore di vetro con la polpa rivolta verso il fondo. Aggiungete solo acqua fino a ricoprirle, richiudete con il tappo e lasciatele in frigorifero per 1 giorno intero.
LEGGI ANCHE:  Pollo al mandarino: un secondo invernale che vi incanterà

prugne deliziose se non fai 002

E voi quale metodo preferite?

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...