15 usi prodigiosi dell’aloe vera

15 usi dell'aloe vera

15 usi prodigiosi dell’aloe vera.

La prima vera ricerca scientifica sull’aloe vera risale agli anni Trenta del Novecento.

Nel 1934 due medici americani, Collins padre e figlio, pubblicarono uno studio sull’uso della gelatina a base di aloe per il trattamento di una radiodermite grave, che era comparsa in una donna in seguito a un trattamento antitumorale con radioterapia.

I due medici avevano osservato una rapida remissione del prurito e delle lesioni.

Una conferma dell’efficacia del trattamento con l’aloe giunse qualche anno dopo, nel 1940, da parte di uno studio dell’Università della Virginia, che però fu condotto su cavie da laboratorio e non su su soggetti umani.

Da quelle prime evidenze sperimentali originò una serie di studi per verificare quale fosse l’effetto dei preparati a base di aloe riguardo a un larghissimo numero di malattie.

Per esempio, per quanto riguarda l’uso topico: infiammazioni e dermatiti, escoriazioni e ferite, ulcere, prurito, punture di insetti, ustioni e scottature, herpes labiale, genitale e zoster, psoriasi.

Dal punto di vista sistemico, cioè quando si tratta di assumere l’aloe per bocca, se ne sono indagati (e verificati) gli eventuali effetti antiossidanti, antibatterici e anche antivirali.

Dal punto di vista del sistema immunitario, poi, pare che l’aloe abbia una efficacia modulante nelle malattie autoimmuni, come per esempio l’artrite reumatoide.

In definitiva l’aloe vera contiene più di 75 sostanze con proprietà latamente curative.

Riassumendo: è antiossidante, ripara la pelle, allevia stitichezza e sindrome dell’intestino irritabile, alcalinizza il corpo, regola la pressione del sangue.

Ma se ne vuoi sapere un po’ di più, qui di seguito elenchiamo quindici usi portentosi dell’aloe vera.

15 usi prodigiosi dell’aloe vera

Lenisce i problemi della bocca. La polpa d’aloe allevia piaghe, gengivite e stomatite. Ottimale l’applicazione del gel direttamente sulla parte affetta.

Attenua la stipsi. Il lattice di aloe ha un effetto lassativo e purgante. Da usare però con cautela, come tutti i lassativi, perché può dare disidratazione.

LEGGI ANCHE:  Melatonina: aiuta a dormire meglio. Ecco in quali cibi trovarla.

Favorisce la cicatrizzazione. Accelera la cicatrizzazione delle ferite e anche la guarigione delle scottature.

Contiene nutrienti e vitamine. Nell’aloe vera si trovano vitamine e minerali essenziali, come le vitamine A, C, E e del gruppo B, e poi acido folico, zinco, cromo, selenio, ferro, rame e magnesio.

Calma i dolori alle gambe. Strofinando del gel di aloe vera congelato sulle zone doloranti offre un sollievo pressoché immediato.

Attenua le rughe. Stimola e promuove la rigenerazione delle cellule epiteliali, è idratante e astringente. Particolarmente efficace sulle pelli secche.

Protegge i batteri che fanno bene. Il succo di aloe protegge lo stomaco e combatte le infezioni vaginali favorendo la flora batterica “buona”.

Lenisce le allergie e le punture di insetti: applicando il gel di aloe vera sulle parti interessate.

Previene l’acne. Date le sue qualità antinfiammatorie, l’aloe è eccellente contro l’acne. Ottima sotto forma di saponi e creme idratanti.

Combatte la cellulite. Previene la cellulite se si accompagna a un’attività fisica regolare e una dieta equilibrata.

Protegge la chioma. Agisce sui capelli come un protettore solare: protegge il cuoio capelluto dai raggi ultravioletti, dal grasso e dalle conseguenze dannose dei prodotti estetici.

Fa dimagrire. Siccome è depurativa, aiuta a perdere peso. A questo scopo è più efficace se accompagnata con succo di limone.

È rilassante. Distende e rilassa i muscoli della testa. Fa dei massaggi a base di aloe prima di lavare i capelli.

Combatte la forfora. È uno dei rimedi naturali più efficaci contro la forfora. Friziona la testa con del gel di aloe e lascia agire per una ventina di minuti, dopodiché risciacqui.

Rimette in moto il sistema immunitario, producendo effetti positivi su alcune malattie autoimmuni, come la già citata artrite reumatoide.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...