8 sintomi della “malattia della muffa”, cosa fare a riguardo

8 sintomi della malattia della muffa.

È una malattia assai poco conosciuta, ma piuttosto diffusa. Si chiama “malattia della muffa” ed è per l’appunto causata dalle muffe.

 

Le muffe sono organismi che appartengono al regno dei funghi. Esse possono avere effetti tossici, allergici o patogeni sugli esseri umani.

Si riproducono attraverso la diffusione di spore. Il loro habitat tipico sono i gli ambienti caldi e umidi.

Le malattie provocate dalle muffe patogene (e in generale da tutti i funghi patogeni) sono di tipo infettivo o infezioni. In generale le infezioni da funghi prendono il nome di micosi.

Le muffe, in generale, sono composte da tossine che il nostro organismo non riesce a processare. Se penetrano nel nostro sistema possono provocare tutta una serie di sintomi che possono anche variare alquanto da persona a persona.

 

8 sintomi della malattia della muffa

 

Il naso che cola. Di solito si accompagna a congestione ed è uno dei sintomi principali di questa affezione. Si tratta di una reazione di difesa dell’organismo, attuata attraverso una produzione di muco che serve a contrastare la muffa.

Starnuti. Come già visto sopra, la muffa può determinare sintomi paragonabili a quelli del raffreddore, compresi gli starnuti. La ragione è abbastanza ovvia: le spore della muffa provocano irritazione diffusa nelle vie aeree superiori.

Tosse. Idem come sopra. Se vengono inalate le spore della muffa, si ha una irritazione generale, compresa quindi la gola.

Prurito agli occhi. Come accade anche con altri agenti esterni, ad esempio i pollini primaverili, anche la muffa causa il rilascio di istamina. Da qui il prurito e l’irritazione agli occhi, ma anche a naso e gola.

LEGGI ANCHE:  Come pulire efficacemente il vostro COLON con solo 2 INGREDIENTI

Lacrimazione. L’istamina di cui sopra, sempre a scopo difensivo, favorisce anche la secrezione delle lacrime: in altre parole, il sistema immunitario determina la produzione massiccia di fluidi per favorire l’espulsione di allergeni e tossine.

 

Secchezza della pelle. La reazione allergica alla muffa può determinare irritazione e infiammazione della pelle.

Difficoltà a respirare. Quando si inalano le spore della muffa, queste irritano e infiammano le pareti della gola e delle vie respiratorie, riducendone il lume e quindi il flusso di aria.

Dolore al petto. Non troppo frequente, come sintomo, ma a volte presente. Al dolore è spesso associata una sensazione di pressione.

 

 

Se vi riconoscete in qualcuno di questi sintomi, consultate subito il vostro medico.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...