Acufene: cause e sintomi del fischio alle orecchie

acufene, cause e sintomi

Acufene: cause e sintomi del fischio alle orecchie.

La parola acufene indica un disturbo che consiste nel percepire un rumore in una o in tutte e due le orecchie, oppure “dentro alla testa”, anche se dall’esterno non viene alcun suono.

Acufene: cause e sintomi del fischio alle orecchie

Si ritiene che soffra di tinnito (altro nome dell’acufene) tra il dieci e il quindici per cento della popolazione; la maggior parte delle persone che ne patiscono riescono a sopportarlo abbastanza bene, ma in una piccola percentuale di individui il disturbo può incidere parecchio sulla qualità della vita.

Va detto che l’acufene può assumere molte forme: alcune persone, ad esempio, “sentono” tintinnii o altri suoni subito dopo essere state esposte a suoni forti (è il caso dei concerti), ma il rumore dopo un po’ sparisce. Altre persone percepiscono l’acufene solo se vi prestano attenzione, mentre nel resto del tempo quel rumore fantasma si confonde coi suoni dell’ambiente.

È da notare che il volume dell’acufene, misurato in laboratorio, non sembra collegato alla gravità del disturbo così come è percepita dai pazienti. Ognuno infatti ha una sua propria soglia di tolleranza.

L’acufene può colpire a ogni età, ma tra i bambini non è molto diffuso. I bambini, ma anche adulti e anziani, possono rischiare l’acufene se esposti a rumori molto forti.

È per questo che è bene evitare le occasioni in cui sia possono ascoltare suoni o rumori molto forti, come per esempio concerti, corse automobilistiche o altri eventi sportivi motoristici.

Le cause più comuni dell’acufene sono: la fisiologica riduzione dell’udito negli anziani; l’esposizione a rumori molto forti; infezioni alle orecchie o ai seni paranasali; problemi cardiaci o vascolari; l’assunzione di alcuni farmaci; nelle donne, può dipendere da fattori ormonali (in gravidanza, per esempio, o quando è presente il ciclo).

LEGGI ANCHE:  Alluminio ecco quali sono i cibi con i quali non va usato.

È consigliabile farsi vedere da un medico se l’acufene è sempre presente e/o tende a peggiorare e se impedisce di svolgere i compiti quotidiani.

Si raccomanda infine di andare al pronto soccorso se l’acufene si presenta dopo un trauma alla testa o nel caso in cui sia collegato a vertigini e/o debolezza muscolare al viso.

Rimedi e cura

A tutt’oggi non c’è una cura definitiva per l’acufene, ma di solito il sintomo tende a migliorare nel tempo e in alcuni casi si può guarire, soprattutto quando si riesce a stabilire esattamente la causa scatenante.

Per alcune persone questa è la produzione di cerume in eccesso. Se si fa rimuovere il cerume dal dall’otorino, di solito sparisce anche l’acufene. Per alcune persone è sostanzialmente risolutivo l’impianto cocleare: sentono meglio i suoni “veri” che arrivano dal mondo e quindi l’acufene diventa meno fastidioso.

In certi casi un sollievo può arrivare dalla cura del sottostante problema di salute, per esempio il trattamento di una patologia vascolare o la sostituzione di un medicinale con un altro.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...