Bere acqua calda a digiuno: può rivoluzionare la tua salute

acqua calda la mattina

Bere acqua calda la mattina a digiuno: una sana abitudine.

Molte persone hanno l’abitudine di cominciare la giornata con un bicchiere d’acqua calda, oppure bevendo tè o caffè, i quali entrambi hanno una componente fatta di acqua calda.

Se optiamo per l’acqua, quasi sempre la beviamo fredda, perché ovviamente è più rinfrescante, soprattutto d’estate.

L’ideale, però, in termini di salute, pare che sia bere dell’acqua calda o tiepida mentre ancora si è digiuni.

Si tratta di una abitudine che porta svariati vantaggi. Per esempio migliora la digestione e favorisce l’eliminazione delle tossine.

Bere acqua calda la mattina a digiuno: un’abitudine che ti offre molti benefici

Qui sotto ti indichiamo alcuni dei principali benefici che puoi trarre dal bere acqua calda a digiuno.

Come s’è detto, intanto migliora la digestione. Presa a stomaco vuoto, l’acqua calda o tiepida aiuta a espellere le tossine e stimola l’apparato digerente.

Combatte la stipsi. Prendere acqua tiepida al mattino aiuta a stimolare il transito intestinale. Insomma, migliora la fase finale del processo digestivo, che per non poche persone rappresenta un vero problema.

Attenua i dolori. Un bicchiere d’acqua calda o tiepida si può rivelare efficace contro il mal di testa e anche contro i dolori del ciclo.

Il calore produce un effetto calmante, rilassa i muscoli e quindi dà sollievo da eventuali crampi e spasmi muscolari.

Aiuta a dimagrire. Aumentando la temperatura del corpo, l’acqua calda accresce il metabolismo e quindi aiuta a bruciare calorie in eccesso.

Migliora la circolazione. Assumere acqua calda, come detto, ha un effetto rilassante: i muscoli si distendono e ciò favorisce anche la circolazione del sangue.

Combatte l’invecchiamento prematuro. Se accumuliamo tossine, tendiamo ad ammalarci più spesso. Pare che un bicchiere di acqua tiepida la mattina possa stimolare la depurazione e quindi favorire l’espulsione di tutte quelle tossine che possono causare invecchiamento precoce.

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...