Come capire se le marmellate e le conserve sono ancora commestibili

Sarebbe davvero importante poter capire se le marmellate e le conserve in dispensa sono ancora commestibili, ma come?

Abbiamo cucinato per ammazzare tempo e timori durante tutto il lock down: pizze, pasta all’uovo, torte, focacce, biscotti, pane e marmellate. E ora che le abbiamo riposte al buio, in un luogo asciutto, fresco e lontano da fonti di calore, come possiamo fare per sapere se sono buone tutt’oggi? Eccovi la risposta! Curiose? Iniziamo!

Come capire

Come capire se le marmellate e le conserve sono ancora commestibili

Innanzitutto usate i 5 sensi, in particolare vista, gusto e olfatto. Scongiurate subito l’eventuale presenza di muffe! Appaiono di norma, sotto forma di chiazze, sulla superficie e sono facilmente individuabili a occhio nudo. Se notate un colorito verdognolo o biancastro, rassegnatevi, dovete gettare la vostra marmellata nell’immondizia.

In caso contrario, quindi se assenti, fate un’ulteriore verifica: controllate anche che la conserva non abbia assunto nel tempo un cattivo odore e un sapore di rancido. Capita spesso, soprattutto con quelle a base di verdura. Se così fosse, abbandonate l’idea che siano ancora commestibili.

Un discorso a parte va poi fatto per il botulino, subdolo e fatale nemico della salute dell’uomo! Un’intossicazione di questo tipo porta alla paralisi muscolare e, nei casi più gravi, anche alla morte. Il pericolo è in agguato ed è nascosto, giacché si tratta di una tossina incolore, inodore e insapore.

Bisogna però precisare che la sua presenza è alquanto rara. Infatti, per potersi sviluppare, necessita di una temperatura compresa tra i 18 e i 25 gradi, in un ambiente anaerobico: il sottovuoto, insomma, all’interno del quale non è previsto ossigeno.

E trova maggior facilità a proliferare in ambienti acidi. Un binomio assai inusuale.

LEGGI ANCHE:  La persone ansiose non devono “calmarsi”, hanno solo bisogno di essere capite.

Considerate che il rischio di botulino è quasi assente in preparazioni zuccherate o salate: rispettate le dosi di questi due ingredienti nelle preparazioni che andrete a realizzare e potrete dormire sonni tranquilli!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...