Il primo classicissimo: spaghetti pomodoro e basilico

spaghetti pomodoro e basilico

Il primo classicissimo: spaghetti pomodoro e basilico.

La ricetta di oggi è di quelle che più canoniche e tradizionali non si può: spaghetti al pomodoro e basilico. Insomma, la quintessenza della cucina italiana così come se la immaginano gli stranieri, spesso beatamente ignari della vastità e ricchezza della nostra tradizione culinaria.

La quintessenza anche nel senso della semplicità: pochi ingredienti accostati con misura e infallibile senso dell’armonia. Perché il troppo stroppia, soprattutto quando si tratta della cucina italiana.

Il primo classicissimo: spaghetti pomodoro e basilico

Gli ingredienti

Gli ingredienti sono questi: 360 grammi di pasta; 400 grammi di pomodori ciliegini (oppure di passata); olio d’oliva, anche aromatizzato all’aglio; un pezzetto di dado vegetale (in caso va bene anche quello fatto in casa); qualche fogliolina di basilico; peperoncino (facoltativo).

La preparazione

Se adoperi pomodori freschi, tagliali in quattro e leva acqua e semi. Poi in una padella versi un po’ di olio extravergine e ci metti a cuocere i pomodorini, per cinque o dieci minuti.

Poi prosegui così, sia che adoperi i pomodorini, sia che adoperi la passata: versa tre o quattro cucchiai di olio in una pentola, accendi la fiamma e poi aggrega la passata di pomodoro (oppure i pomodorini di cui sopra). Copri e fai andare per 10 minuti, poi togli il coperchio, aggiungi il dado vegetale e mescoli.

Che tu abbia scelto i pomodorini o la passata, a questo punto aggiungi al sugo la punta di un cucchiaino di zucchero (o anche di bicarbonato), il basilico sminuzzato con le mani e sale quanto basta.

Fatto questo, metti a bollire una pentola di acqua leggermente salata e butti gli spaghetti.

Li scoli al dente e passi la pasta nella padella del sugo. Mantechi bene per un paio di minuti, magari aggiungendo qualche mestolo di acqua di cottura per regalare più amido ai tuoi spaghetti.

LEGGI ANCHE:  Muffin mela e uvetta: una nuvola soffice, ma senza burro

Questa colorata meraviglia va servita ben calda con una scenografica guarnizione di foglioline di basilico.

Buon appetito!

Seguici su google news!
Potrebbe interessarti anche...