Le mani che ti hanno cresciuto sono quelle che ti sosterranno sempre. Non dimenticarlo MAI

Non dimenticare mai le mani che ti hanno cresciuto.

Quando diventi mamma cominci a capire in concreto tutto quello che tua mamma ha fatto e fa ancora per te e per la tua famiglia.

Diventare madre ti cambia per sempre e naturalmente cambia anche la prospettiva da cui guardi il mondo.

Ti si aprono finalmente gli occhi e riesci a comprendere la grandezza vera e propria di chi ti ha cresciuto con tanto amore e altrettanti sacrifici.

Non dimenticare le mani di tua madre

Le mani di tua madre ti hanno sorretta nei tuoi primi incerti passi in questo mondo e in un modo o nell’altro ti sorreggono ancora: quando si diventa mamma si è mamma per sempre.

Le mani di tua madre sono state le prime a cui aggrapparsi quando c’erano momenti di paura e di difficoltà.

E naturalmente quelle mani amorevoli non ti hanno detto solo sì, ma anche qualche no: perché una parte fondamentale dell’educazione è saper dire dei no quando serve.

Perché poi la vita stessa si incaricherà di dircene anche troppi, di no.

Oggi che sei mamma finalmente capisci anche il significato di quegli amorevoli rifiuti, e la grandezza di tua madre risalta ancora di più.

Ora finalmente puoi renderti conto di quante difficoltà e di quanti sacrifici si nascondevano dietro quei no che tanto ti facevano arrabbiare e che allora trovavi del tutto incomprensibili.

Si può affermare che la mamma è il primo eroe di ogni figlio: perché lei non si ferma mai e per i figli ha fatto ed è disposta a fare ancora di tutto e di più.

Perché come s’è detto sopra non si smette mai di essere madri. Lo si è fino all’ultimo istante di vita.

LEGGI ANCHE:  Vestirsi di nero: cosa si nasconde dietro la scelta del look total black!

Perché i figli sono la nostra eredità in questo mondo e probabilmente anche la nostra unica forma possibile di immortalità.

Considera tutto questo e quando incontri tua mamma falle sapere che le vuoi bene, che le sei grata per tutto quello che ha fatto per te, anche per i no, anche per quel ceffone che ti fece tanto male, allora.

Adesso che sei mamma anche tu, capisci finalmente.

Queste idee valgono oro… Altro che lattine!